Riaprirà sabato la SR 479 e, nei prossimi giorni, le altre strade con cartellonistica di salvaguardia



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Provincia – Il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso ha stabilito, nelle ultime ore, con il settore viabilità modalità e termini di intervento sulle strade provinciali. Sono pienamente consapevole, dichiara il Presidente, dei disagi derivanti dai provvedimenti adottati ma, nel contempo, dobbiamo preoccuparci anche dell’incolumità di chi percorre queste strade, nella condizione di responsabilità assunta dal settore viabilità nella persona del dirigente Ing. Francesco Bonanni. Ovviamente tali decisioni vengono assunte dal dirigente anche senza alcun preavviso dato al Presidente o ai consiglieri ma, è chiaro che in queste ultime 36 ore ci stiamo adoperando per superare tutte le difficoltà. Il nostro primo dovere, come detto, è quello di garantire l’incolumità degli utenti delle arterie provinciali che saranno riaperte nei prossimi giorni con la predisposizione di tutta la cartellonistica di salvaguardia con raccomandazioni e prescrizioni, ma valuteremo tutte le circostanze e condizioni per ogni singolo tratto stradale. Abbiamo lavorato, con le ristabilite commissioni, tutti i giorni per dotarci del bilancio (che nessuna provincia in Abruzzo ha approvato) che ci permetterà di realizzare i lavori necessari sulle carrabili, abbiamo chiesto il passaggio e statalizzato 188 km. di strade, abbiamo destinato alla viabilità 18 milioni di euro e, a meno di 1 ora dall’approvazione del bilancio, siamo intervenuti sulla S.R. 479 “Sannite” dove domani termineranno i lavori, iniziati questa mattina, per essere riaperta nella giornata di sabato 28 aprile. Il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso intende, con questa nota, chiarire il funzionamento di un Ente che, fino a qualche mese fa con la Legge 56/14 Delrio, era stato praticamente depauperato di ogni tipo di stanziamento e, soprattutto, di efficacia e operatività ma investita, nel contempo, di competenze e funzioni, come l’edilizia scolastica e la viabilità, che rappresentano per le popolazioni delle aree interne presidi vitali da custodire, pena il dissolvimento delle comunità. L’impegno è il lavoro quotidiano del Presidente e i consiglieri è massimo, anche a fronte di alcuna indennità percepita. In conclusione si precisa che i lavori sulla SR 479 e le altre arterie non saranno realizzati per le polemiche dell’ultima ora ma, bensì, per aver approvato, in tempi da record, il bilancio due giorni fa, opere altrimenti impossibili da programmare.




Lascia un commento