Realizzazione nuovi impianti da sci a Ovindoli, il TAR sospende il progetto



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Ovindoli – L’autorizzazione che la Regione Abruzzo aveva rilasciato per la creazione di nuovi impianti sciistici da realizzarsi in Valle delle Lenzuola, a Ovindoli, è stata sospesa da un’ordinanza del TAR Abruzzo, con sede a L’Aquila.

L’impianto, come molte associazioni ambientaliste hanno fatto immediatamente rilevare, doveva realizzarsi all’interno del Parco regionale del Sirente-Velino e Zona di Protezione Speciale comunitaria. Il ricorso al TAR è stato presentato da cinque associazioni: Stazione Ornitologica Abruzzese, Salviamo l’Orso, il Club Alpino Italiano, Mountain Wilderness e la Lipu difese dall’avvocato Herbert Simone.

Nel testo dell’ordinanza del Tribunale Amministrativo Regionale si legge: “appaiono prima facie meritevoli di favorevole apprezzamento le censure relative all’inattendibilità del parere di valutazione di incidenza ambientale, siccome espresso da un dipendente del Comune di Ovindoli in possesso del titolo di geometra, che non appare pertanto disporre delle competenze stabilite, con valore regolamentare, dalle “linee guida per la relazione della valutazione d’incidenza” della Regione Abruzzo di cui all’allegato 2 della d.G.R. n. 119/2002, approvato con d.G.R n. 209/2008 (pubblicata nel B.U. Regione Abruzzo 30 aprile 2008, n. 25 ordinario)“.

Inoltre: “l’avvio delle operazioni di realizzazione dell’intervento oggetto del provvedimento impugnato potrebbe determinare un’alterazione non reversibile dell’area sottoposta a tutela, che le valutazioni demandate alle Autorità tutorie in materia ambientale e paesaggistica sono finalizzate invece a preservare“. L’udienza di merito è stata fissata per il 17 novembre 2021.