Rapinarono dei ragazzi diretti alla discoteca, tre misure cautelari



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Gli agenti del commissariato di Avezzano hanno eseguito tre misure cautelari emesse dal gip Maria Proia del tribunale di Avezzano su richiesta della Procura.

Sono stati identificati i responsabili della rapina ai danni di un gruppo di giovani che si è consumata a marzo scorso. Tra le persone raggiunte dai provvedimenti c’è anche il 22enne Kamal El Mannani, marocchino, arrestato ieri dai carabinieri di Tagliacozzo per violenza sessuale di gruppo.

Uno dei rapinatori all’epoca fu arrestato in flagranza di reato. Si tratta di Cristian Desideri, 22enne, che era insieme alla compagna incinta. Desideri fu arrestato e portato in carcere. La donna fu subito lasciata andare perché in stato di gravidanza avanzato.

L’episodio avvenne in piazza Risorgimento intorno a mezzanotte, alla presenza di numerose persone.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, alcuni giovani marsicani stavano per andare in discoteca.

Erano da poco risaliti nell’auto parcheggiata all’interno del “palazzaccio”.

Prima di imboccare la strada principale furono avvicinati dai quattro aggressori che, con violenza, prima tentarono di portare via la macchina, facendo uscire i diciottenni e salendo sul veicolo e subito dopo presero un cellulare che era sui sedili.

Picchiarono uno dei tre e a quel punto intervennero dei presenti.

Tra gli aggressori spuntò subito il nome di Kamal El Mannani che però all’arrivo della polizia aveva già fatto perdere le sue tracce. Insieme a lui c’era Mirel Macaj, albanese di 22 anni, residente a Tagliacozzo, anch’egli non più presente sul posto.

Macaj, Desideri e El Mannani, dopo le indagini degli agenti diretti dal vice questore aggiunto Paolo Gennaccaro, sono stati raggiunti dal provvedimento del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese.

Desideri, la compagna (questa mattina perquisita nella sua abitazione) sono difesi dall’avvocato Antonio Pascale, El Mannani dagli avvocati Luca e Pasquale Motta.

 

 

 




Lascia un commento