“Qualche volta scappano”, questa sera al Teatro dei Marsi si ride con il Trio Celentano Quartullo Fontana e si raccolgono fondi per i terremotati



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Uno spettacolo teatrale per raccogliere fondi per i Comuni del Teramano colpiti duramente dal terremoto e dalla neve. Un mix di risate e di riflessione, che porti anche le persone a prendersi cura degli animali affidati alla loro cura.

Questa sera, al Teatro dei Marsi andrà in scena “Qualche volta scappano”, allegra commedia presentata ieri in teatro dagli stessi attori (SULLA PAGINA FACEBOOK DI TERREMARSICANE CI SONO LE DIRETTE REGISTRATE DALLA CONFERENZA).

Pino Quartullo e Rosita Celentano, questa sera sul palco con Attilio Fontana, hanno anticipato che sarà una serata all’insegna sì della spensieratezza, con tante risate e anche tanti applausi per gli attori-cagnolini, ma sarà anche l’occasione per un momento di sensibilizzazione a quelle che sono le problematiche della quotidiana vita di coppa.

La commedia è ispirata alla francese TouTou di Daniele Besse e Agnès Besse e ha l’adattamento e la regia di Pino Quartullo.

A presentare l’evento, promosso dall’assessorato alla Cultura di Fabrizio Amatilli
e organizzato dal vicepresidente della Fondazione Irti, Nicola Irti è intervenuto anche il direttore artistico del Teatro dei Marsi, Giampiero Nicoli con i membri dell’Ufficio del Teatro e dell’Ufficio cultura del Comune di Avezzano.

I prezzi dei biglietti vanno dai 10 ai 15 euro e il ricavato sarà devoluto alle popolazioni colpite dall’emergenza dei mesi scorsi, del Teramano.

Gli organizzatori hanno ringraziato per la disponibilità gli attori Celentano e Quartullo che non hanno esitato a mettersi a disposizione per la realizzazione dell’evento. “Volevo fare qualcosa per la mia terra”, ha detto Irti, “spesso intorno alle città colpite da questi eventi si creano delle spettacolarizzazioni che poi però finiscono brevemente e le popolazioni rimangono sole. Volevo esprimere vicinanza a loro e ringrazio Quartullo che ha subito detto sì”.




Lascia un commento