Precipitato da sei metri, muore l’operaio dell’Lfoundy. Indette due ore di sciopero da Fiom e Fim



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Non ce l’ha fatta l’operaio che è precipitato da oltre sei metri mentre stava effettuando dei lavori di manutenzione alla Lfoundy, ad Avezzano. L’uomo, S.M., un operaio siciliano cinquantenne, dipendente di una ditta esterna, si trovava sul tetto di un edificio nel sito dell’Azienda quando, per cause da accertare, si è schiantato al suolo. Immediatamente soccorso, è stato trasportato dall’elicottero del 118 al San salvatore dell’Aquila, dove era stato sottoposto a un complesso intervento chirurgico..

L’Ispettorato del Lavoro ha effettuato un sopralluogo sul posto. Sulla vicenda la Procura ha aperto un’inchiesta per fare luce su quanto accaduto. Intanto, preoccupazione è stata espressa dalle rappresentanze sindacali, FIOM E FIM, che hanno indetto due ore di sciopero

” All’interno della più grande fabbrica della Provincia dell’Aquila, si è verificato un gravissimo incidente, del quale, ancora non si conosce la dinamica precisa e, sul quale, fino a questo momento, né la Società datrice di lavoro, né la committente LFoundry, hanno fornito informazioni.

La FIM–CISL, ad ogni livello, oltre ad essere vicina alla famiglia dell’operaio, ha sempre stigmatizzato la questione sicurezza, facendone un caposaldo delle Sue rivendicazioni a tutela dei lavoratori, soprattutto verso quelli che, di tutele ne hanno poche, come si riscontra sempre più spesso nel mondo degli appalti e del precariato in generale.

La FIM-CISL sa bene che, la forza d’urto verso il potere datoriale nei confronti dei lavoratori più “deboli”, può essere espressa solo dai lavoratori TUTELATI (in questo caso dai dipendenti della LFoundry) e, pertanto, nel condannare il “mutismo” delle Società, rispetto a questo fatto grave, proclama 2 ore di sciopero per il 21.06.18, con le seguenti modalità:

dalle ore 15.00 alle ore 17.00 – lavoratori giornalieri -con presidio sindacale davanti ai cancelli;
dalle ore 18.00 alle ore 20.00 – turnisti diurni-;
dalle ore 06.00 alle 08.00 – turnisti notturni (smontanti alle 08.00 del 22.06.18).

Sul LAVORO e sulla SICUREZZA si fondano i Nostri VALORI Costituzionali e sindacali e, su questi, non vi saranno MAI DIVISIONI”.




Lascia un commento