Ponti e viadotti: destinati alla Regione Abruzzo 54 milioni di euro per la messa in sicurezza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 7 maggio 2021 del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (MIMS) che ripartisce 1 miliardo e 150 milioni di euro (350 milioni per il 2021, 450 milioni per il 2022 e 350 milioni per il 2023) tra le Province e le Città metropolitane delle regioni a statuto ordinario e delle Regioni Sardegna e Sicilia. Le risorse sono state distribuite sulla base di tre parametri: consistenza della rete viaria; parco circolante mezzi; vulnerabilità fenomeni naturali.

I fondi dovranno essere utilizzati per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e per la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti con problemi strutturali di sicurezza. Tra le spese ammissibili ci sono: censimento, classificazione del rischio, verifica della sicurezza, progettazione, direzione lavori, collaudo, controlli in corso di esecuzione e finali, monitoraggio strutturale, rilievi, studi e rilevazioni di traffico.

La Regione Abruzzo è destinataria del 4,68% del riparto state per complessivi 53,876 milioni di euro, così ridistribuiti tra le varie province: Teramo: 13,166 milioni, L’Aquila: 15,987 milioni, Pescara: 11,071 milioni, Chieti: 13,651 milioni.

È senza alcun dubbio un’ottima occasione per il nostro territorio per fronteggiare e risolvere le problematiche che da troppo tempo affliggono il sistema infrastrutturale abruzzese. Ora al lavoro per la realizzazione degli interventi prioritari e meritevole della dovuta attenzione”, ha dichiarato il Sottosegretario alla Presidenza, Umberto D’Annuntiis

Fonte: Regione Abruzzo