Polizia di Stato vicina alle donne nel giorno di San Valentino


Provincia – La Polizia di Stato, da tempo impegnata nel contrasto del fenomeno della violenza di genere, anche in occasione della Festa di San Valentino ha scelto di essere vicina alle donne proseguendo con la campagna di sensibilizzazione “Progetto Camper….. Questo non è amore”.

In particolare, questa mattina, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, personale dipendente è stato presente presso alcuni centri maggiormente frequentati quali “IL Globo”, il Centro Commerciale “Amiternum” e la Piazza del Mercato di Piazza D’Armi al fine di aver un contatto diretto con la popolazione , soprattutto quella femminile , per spiegare li strumenti normativi, sociali , di accoglienza e sostegno a loro disposizione  nonché le strade percorribili per combattere la violenza di genere.

Nella circostanza, personale qualificato, ha contattato circa un centinaio di persone a cui è stata illustrata l’attività di prevenzione promossa  dalla Polizia di Stato per contribuire, attraverso gli strumenti dell’informazione, dell’educazione e dell’ascolto, ad un cambiamento culturale su un tema che rappresenta un indice fondamentale di civiltà di una società, distribuendo nel contempo gli opuscoli informativi realizzati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza per la campagna di sensibilizzazione che coinvolge tutto il territorio Nazionale.

Inoltre, nella giornata di ieri, un Funzionario della Polizia di Stato ha partecipato in qualità di relatore al convegno organizzato dal Comune di Pescina dal titolo “Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne – Splendi più che puoi”,

Nel corso dell’evento, dedicato a tutte le donne vittime di violenza ed in particolar modo a Fatime e Senade, madre e figlia, uccise dal marito/padre nell’ottobre del 2013 a Pescina, dopo un breve cenno della normativa vigente in materia sono stati illustrati i progetti  messi in atto dalla Polizia di Stato per combattere il fenomeno,  quali appunto il “Progetto Camper ……..Questo non è amore”” di cui sopra; il progetto “EVA” – che codifica le modalità di intervento nei casi di lite in famiglia e consente di inserire nella banca dati delle forze di polizia una serie di informazioni utili a ricostruire tutti gli episodi di violenza domestica che hanno coinvolto un nucleo famigliare; ed il progetto  “SARA” – che è rivolto  ad affrontare le valutazioni di rischio, come la recidiva nei casi di maltrattamenti e di stalking, fondamentale per la messa in atto di azioni volte a scongiurare l’escalation di violenza che può arrivare al femminicidio.

Anche in questa circostanza sono stati distribuiti gli opuscoli informativi realizzati per la campagna di informazione sul tema.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Arte, musica e preghiera domani nel castello di Ortucchio

Ortucchio – La Pastorale del turismo dello sport e del tempo libero della diocesi, guidata dal direttore padre Riziero Cerchi, aderisce all’iniziativa della Cei «Ora viene il bello», della quale ...


Arriva dalla Cina l’allarme per un nuovo virus: “mortalità al 70%, attacca fegato e reni”

Arriva dalla Cina l’allarme per un nuovo virus che per il momento ha infettato 35 persone in Cina, in particolare nelle province di Shandong e ...

La vita, le lotte e gli ideali di Romolo Liberale protagonisti dello spazio culturale a Luco dei Marsi

Luco dei Marsi – Voci, memorie, episodi di vita vissuta e condivisa che, attraverso lo sguardo diretto e l’esperienza personale dei narratori, tratteggiano la figura ...

L’attrice Giuliana De Sio stasera in scena a Celano con lo spettacolo “Favolosa”

Celano – Il teatro di Giuliana De Sio e la comicità di Sergio Sgrilli per il quarto appuntamento della seconda edizione del «Festival Adarte»: alle ...

Gattino di circa 40 giorni preso a calci in strada da alcuni ragazzi

Avezzano – Un gattino di circa 40 giorni è stato preso a calci, in strada, da alcuni ragazzi. A metterlo in salvo una signora. “Questo ...



Lascia un commento