Politiche sociali per una città più vivibile per tutti. Il programma di Federica Dellapasqua per il candidato Casciere



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano.Le politiche sociali, il supporto verso le fasce più deboli e disagiate, la creazione di un tessuto sociale che possa garantire a tutti la dignità: questi sono aspetti che devono essere il cardine dell’amministrazione, perché una città che non ha rispetto per tutti i propri cittadini, non è una città giusta e degna”.

L’attenzione al sociale è l’aspetto che più sta a cuore a Federica Dellapasqua, laureata in lingue orientali e traduttrice, candidata alle prossime Amministrative ad Avezzano, al fianco del candidato sindaco Leonardo Casciere.

Come cittadina e come mamma, ho avuto la possibilità di osservare e vivere negli ultimi anni i disagi delle fasce più deboli, le difficoltà delle madri lavoratrici, il deperimento dell’aspetto aggregativo e culturale, la sofferenza delle donne che subiscono violenze, la difficile convivenza con le comunità straniere. Ora voglio mettermi in gioco, trasformando le mie esperienze in proposte che possano rendere Avezzano una città attenta ai bisogni e alla dignità di tutti i propri cittadini”.

L’aspetto del sociale visto a 360 gradi, partendo dal supporto organizzato e strutturato alle fasce più deboli, passando per l’aggregazione popolare, la condivisione, lo sport visto come strumento aggregativo ed educativo, fino ad arrivare al supporto alle mamme lavoratrici, all’integrazione degli stranieri, alla riscoperta dell’aspetto culturale e dell’educazione civica.

Prima di tutto l’attenzione massima va prestata alle persone in difficoltà, anziani, diversamente abili, famiglie in precarie condizioni economiche. La città va ripensata per loro, per andare incontro alle loro esigenze e per non renderli degli emarginati. Penso dunque ad una revisione delle infrastrutture cittadine, ridisegnando la città con l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, ad un aiuto vero e costante anche nelle attività quotidiane semplici (come ad esempio fare la spesa), lavorando a stretto contatto con le associazioni di volontariato che operano sul territorio, concedendo strutture adeguate e sostegno economico. Inoltre, garantire un posto di lavoro alle persone che hanno reali e gravi difficoltà economiche per il sostentamento proprio e della famiglia”.

Anziani e diversamente abili che, come dice Federica “rappresentano una risorsa per la città, se gli vien data la possibilità di esprimere le loro potenzialità e la loro creatività, facendoli sentire giustamente protagonisti della società. E allora perché non pensare a centri aggregativi, laboratori, progetti specifici sviluppati per loro e con loro”

Nel programma di Dellapasqua anche aspetti derivanti dalla sua esperienza e sensibilità di donna e di mamma: “Occorre supportare le madri che lavorano; gli asili e le scuole devono essere il primo strumento di questo supporto, con orari e servizi che siano in linea con le mutevoli esigenze della società. Ma anche le associazioni e circoli sportivi, che devono tornare ad essere per bambini e giovani un punto sicuro di ritrovo, aggregazione ed educazione; l’esempio dei campus estivi potrebbe essere esteso alla stagione invernale, favorendo e incentivando le associazioni sportive. Lo sport dovrà essere accessibile a tutti, anche gratuitamente a chi non può permettersi una spesa extra per tale aspetto”. E ancora: “le donne vittime di violenza devono essere sostenute, protette e incentivate a denunciare; vanno creati centri si assistenza comunali e consultori per il supporto psicologico”.

Una società da rivalorizzare anche dal punto di vista culturale, riproponendo eventi che sono sempre stati un fiore all’occhiello di Avezzano (Settimana Marsicana, il Premio Avezzano…) e organizzandone di nuovi, con un evidente beneficio per l’economia locale.

Ultimo aspetto, quello dell’integrazione, “fondamentale in una società sempre più multietnica, in cui gli stranieri non devono essere un problema, ma una risorsa. L’accoglienza è un importante segno di civiltà e va incentivata e stimolata, ma certamente è importante che chi arriva da noi rispetti le regole e voglia lavorare per il bene della città.”

Non casuale la scelta verso il candidato sindaco Leonardo Casciere: “Ho avuto la possibilità di parlarci spesso, ha sempre dimostrato una sensibilità particolare verso l’aspetto del “sociale”. In ogni discussione, il supporto e la difesa dei più deboli, il concetto del “Sindaco al servizio dei cittadini”, sono sempre elementi presenti e preponderanti”.

Dellapasqua si candida per portare il proprio contributo per fare di Avezzano “una città giusta, la città sensibile e attenta ai bisogni di tutti i cittadini.”




Lascia un commento