Pneumatici scaricati abusivamente. Ripulito il Nido delle Aquile sopra Capistrello



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – “I pneumatici sono stati rastrellati, ma sono giù nella gola, vanno saliti a braccia con una catena umana“. Questo l’appello di Francesco Eligi che, insieme a molti volontari, ha preso parte alle operazioni di pulizia del Nido delle Aquile che, come era già accaduto in passato, è stato utilizzato come discarica abusiva per pneumatici. Stiamo parlando di una suggestiva località che si trova sopra al paese di Capistrello, intorno ai 1600 metri di altitudine, lungo la strada per Filettino.

Nella mattinata di ieri, molti volontari, tra cui i ragazzi del CAI della Valle Roveto e quelli delle Aquile Ambientali, hanno provveduto a liberare l’area che si trova a poca distanza dalla sorgente Rianza da una quantità impressionante di vecchie gomme per autovetture e non solo. Il grande accumulo è stato portato nella parte più bassa ma, adesso, servirà portarli via anche dalla gola. Per questo il 24 ottobre 2020, ci sarà una nuova mobilitazione: servono braccia e buona volontà.