PNALM, come comportarsi in caso di incontro con un cervo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ha reso pubbliche le regole comportamentali in caso di incontro con uno o più cervi. Incontri che, nelle zone del Parco, possono essere anche molto frequenti soprattutto tra il mese di settembre e quello di ottobre, periodo contraddistinto come la stagione dell’amore.

Sabato scorso abbiamo pubblicato un post che aveva l’obiettivo di sensibilizzare le persone riguardo le giuste regole comportamentali da seguire in caso di incontro con un cervo. Nel testo del post le suddette regole erano ben elencate mentre una delle due foto immortalava una scena che, purtroppo, è sempre più frequente in alcuni luoghi del Parco.

Un gran numero di persone che circondano allegramente un grosso cervo maschio per far foto, ad una distanza estremamente ridotta, senza lasciare all’animale alcuna via d’uscita. Esattamente il contrario di quanto riportato nel post. Volevamo comunicare in modo disteso e pacato, senza stigmatizzare e/o “fare la ramanzina” a nessuno, ma invitando alla consapevolezza in virtù della grande bellezza che la Natura ci regala.

Alcune utenti ci hanno fatto notare come in tal modo il messaggio poteva essere frainteso, in quanto ciò che era ritratto in foto era il contrario di quanto consigliato dalle nostre parole.

Ci sembrava sinceramente scontato che questa foto – abbinata alle norme comportamentali ben descritte – fosse sufficiente per far capire esattamente ciò che NON deve essere fatto quando si incontra un cervo. Evidentemente non lo è stato.

Per noi la cosa più importante è che i post di questa pagina consegnino i giusti messaggi alle persone che la seguono. Per questo, a scanso di ogni equivoco, ri-pubblichiamo la foto in questione ribadendo a tutti che è SEVERAMENTE VIETATO:

– Avvicinarsi, inseguire e disturbare per fare foto o video gli animali selvatici del Parco.

– Dargli da mangiare

– Interferire con i loro spostamenti

– Tentare di accarezzarli

– Lasciarli senza via di fuga”.