“Piu’ attenzione al Centro Urbano” – Confcommercio raccoglie i consigli degli imprenditori



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – L’iniziativa è di Confcommercio-Imprese tende a coinvolgere gli imprenditori di Avezzano affinchè, si possano individuare le azioni utili a riqualificare il centro urbano. I’obiettivo è quello di effettuare uno studio nell’interesse delle categorie rappresentate dall’associazione. Confcommercio la fa traverso l’invio di una scheda agli imprenditori di categoria che, attraverso la compilazione di un modulo, possono partecipare con le loro idee e progetti al miglioramento del centro urbano di Avezzano.

Di seguito la lettera di intenti inviata:

Riteniamo sia prioritario innalzare la qualità di vita nel Centro Urbano, quale luogo, di produzione di valori, non solo economici ma soprattutto culturali e sociali. Confcommercio già da anni lavora in questa direzione e la scheda che ha sottoposto agli imprenditori è una testimonianza chiara della volontà di riportare l’attenzione sul Centro Urbano della nostra città.

Per dare maggiore forza a questo lavoro, abbiamo chiesto ai nostri colleghi un contributo di idee e progettualità finalizzate al miglioramento del nostro Centro Urbano. Lo scopo di Confcommercio è combattere la desertificazione commerciale del Centro città, dando corpo ad una serie di strumenti che coinvolgono tutti gli attori in campo.

Bisogna recuperare gli errori del passato e rimediare a scelte politiche sbagliate i cui effetti purtroppo si stanno vedendo oggi: dall’esagerata espansione dei centri commerciali, alla modalità di gestione degli affitti, fino alle politiche di chiusura del Centro.

Quello che serve è credere nelle potenzialità del Centro Urbano e cominciare ad investire fin da subito per rendere appetibile l’insediamento di nuove attività attraverso agevolazioni fiscali e facilitazioni burocratiche. Non solo, occorre introdurre la sosta di cortesia e sosta gratuita il sabato giorno di mercato, ma soprattutto una decisa azione contro il diffuso senso di insicurezza, la microcriminalità ed il degrado e della sporcizia delle vetrine vuote.




Lascia un commento