Picchia, sevizia e stupra un’infermiera. Il responsabile fermato dopo 5 ore di latitanza



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano. Notte di terrore ad Avezzano. Un 19enne ricoverato al Cim ha “sequestrato” due infermiere, le ha fatte uscire sotto minaccia e ne ha violentata una.

14801173_10154550179686702_1125782566_n-1Il giovane, Enriges Kavalli, è stato rintracciato dalla polizia di Stato intorno alle 10, dopo cinque ore di latitanza in giro per la Marsica.

L’auto con cui si era allontanato dal Cim è di proprietà di una delle infermiere ed era stata ritrovata dai carabinieri questa mattina a Civitella Roveto con una gomma bucata. A quanto pare era incidentata. Sui sedili è stato ritrovato del sangue. Il 19enne è stato rintracciato dalla polizia a casa del padre. L’uomo è estraneo ai fatti. Il 19enne si trovava al cim dopo che aveva già violentato un’educatrice in una comunità dove era ospitato.

Sulla vicenda gli inquirenti mantengono ancora il massimo riserbo. Una delle due infermiere è stata violentata. L’altra è stata minacciata con un coltello ed è stata ferita al collo e sul corpo. Il soggetto fermato è molto pericolo. Si attende di sapere quale misura cautelare sarà applicata nei suoi confronti.

Questa mattina, alle ricerche sono stati impegnati, oltre agli uomini della squadra anticrimine di Avezzano e della volante, anche i carabinieri delle compagnie di Avezzano e Tagliacozzo.

L’operazione è stata coordinata dal vice questore aggiunto Paolo Gennaccaro.



Lascia un commento