Per le Festività natalizie i variopinti animali di “Cracking Art” invadono il centro storico di Avezzano



Nuove collocazioni nelle strade e piazze della città per le sculture del famoso collettivo, grazie alla sinergia fra la Fondazione Terzo Pilastro ed il Comune con l’Aia dei Musei

Avezzano – Le mastodontiche e coloratissime sculture animali firmate dal movimento artistico Cracking Art, protagoniste della mostra ospitata presso l’Aia dei Musei di Avezzano (AQ), invadono pacificamente, per l’intero periodo delle Festività natalizie (fino al 9 gennaio prossimo), il centro storico della città, popolando le principali strade e piazze, grazie all’eccezionale sinergia tra la Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale che promuove il progetto e l’Amministrazione Comunale di Avezzano con l’Aia dei Musei.

La mostra “Cracking Art” è organizzata della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, in collaborazione con Comediarting e Arthemisia, e si avvale della disponibilità del collettivo artistico.

La mostra – che verrà ulteriormente prorogata fino al 13 febbraio 2022 – ha ottenuto finora un enorme successo mediatico e di pubblico, e continua ad entusiasmare i fruitori di ogni età, tanto che, per il periodo delle Festività natalizie, è stato deciso che la maggior parte delle sculture che la compongono beneficino di nuove collocazioni in alcuni spazi cittadini molto frequentati e idonei ad ospitarle

In particolare, hanno trovato posto in Piazza Risorgimento un coniglio grande; in Via Corradini una chiocciola grande; nella Piazza del Mercato lupi, orsi, conigli e chiocciole; ancora conigli e chiocciole di varie dimensioni in Via Benedetto Croce n. 4 presso la sede di Avezzano della Fondazione Terzo Pilastro; infine, otto tartarughe presso Villa Torlonia. Queste inedite collocazioni delle sculture saranno apprezzabili fino al 9 gennaio prossimo, data dopo la quale le opere torneranno tutte – fino al 13 febbraio 2022 – all’Aia dei Musei.

«In occasione delle Festività natalizie, forti dell’entusiasmo con la quale la città di Avezzano ha accolto, fin dal principio, la mostra “Cracking Art”, abbiamo voluto che gran parte delle opere in mostra uscissero dall’Aia dei Musei per rallegrare le principali vie e piazze del centro storico, al fine di contribuire ad infondere gioia e positività ai cittadini in festa. Un evento d’eccezione che è stato reso possibile unicamente dalla proficua sinergia che intercorre tra la Fondazione Terzo Pilastro, che mi onoro di presiedere, e un’Amministrazione pubblica disponibile e lungimirante qual è quella di Avezzano. Ribadisco, pertanto, la mia soddisfazione nell’aver portato ad Avezzano questa mostra, in quanto ritengo che, con il suo forte messaggio ecologista, il tripudio di colori accesi e la rappresentazione degli animali in chiave “pop”, costituisca un messaggio di ottimismo, anche a livello simbolico, che contrasta con il buio periodo della pandemia», ha affermato il Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale.

Per le Festività natalizie i variopinti animali di “Cracking Art” invadono il centro storico di Avezzano
Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele

Amatissime in tutto il mondo, le opere dei Crackers (così si definiscono gli artisti del collettivo) si caratterizzano non solo per i loro colori sgargianti e le dimensioni che vanno dal piccolo formato alle taglie XXL, ma anche per il loro processo di realizzazione in materiale sintetico che deriva dalla rigenerazione della plastica che, in questo modo, da materiale considerato usa e getta si fa arte. La plastica, infatti, si trasforma e si rende mezzo di comunicazione: da semplice materiale di uso comune e sostanza potenzialmente nociva per l’ambiente, si modella divenendo elemento decorativo e fonte di ispirazione.

Gli orari di apertura dell’Aia dei Musei sono i seguenti

Lunedì CHIUSO

dal martedì al venerdì ore 10-13 e 16-18

sabato ore 11-13 e 16-18

Domenica ore 16-18

Apertura straordinaria 

venerdì 31 dicembre ore 10-13

CHIUSO 24 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio




Leggi anche