Pecore, rubinetti chiusi e un povero mendicante… Ecco l’ironia degli striscioni degli ex lavoratori della Santa Croce


Canistro. “I tuoi avvocati fanno un ‘greggio’ lavoro”, “Lascia stare gli avvocati e paga gli arretrati”. E ancora: “Il rubinetto è chiuso solo per te”.

Sono queste le scritte di solo alcuni degli enormi pannelli elaborati e appesi davanti alla piazzetta antistante lo stabilimento della Santa Croce a Canistro.

Gli operai stanno aspettando l’arrivo dei rappresentanti della Regione, per il sopralluogo che accerterà le condizioni delle pedane sequestrate a novembre dello scorso anno.

Sul posto ci sono gli agenti di polizia e i carabinieri.

All’interno dello stabilimento, davanti al cancello, qualcuno ha posizionato una pesante “costruzione” in modo da ostruire il passaggio di chiunque.


Invito alla lettura

Ultim'ora

L’addio a Marlon, “dal cielo continuerà ad infondere forza e coraggio”

Trasacco – Incredulità e lacrime. È il giorno del dolore a Trasacco dove, nella chiesa dei Santi Cesidio e Rufino, sono stati celebrati i funerali di Marlon Catalano, il 25enne ...


Paura per 40 scout sorpresi in montagna da una grandinata, vengono recuperati da 5 squadre dei Vigili del fuoco di Avezzano

Villavallelonga – Un gruppo di quaranta scout, ragazzi di età compresa tra i 12 e 16 anni, provenienti da Triggiano in provincia di Bari, sono ...

Coldiretti, stop pesce fresco, dal 16 agosto scatta il fermo pesca in Abruzzo

Intanto prezzi di vendita in aumento al dettaglio

Presentazione del romanzo  “Chissà dov’era casa mia” di  Cesira Sinibaldi 

Il 12 agosto, alle ore 18,00, presso la sala delle  conferenze del Centro Culturale “Moretti” di Gioia  dei Marsi (Aq) si terrà la Presentazione del ...



Lascia un commento