Patata del Fucino, la Filiera IGP richiama al rispetto dei prezzi imposti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano – A seguito delle indicazioni del Consiglio di Amministrazione del Consorzio di Tutela IGP Patata del Fucino, si riscontrano, nei primi giorni della campagna pataticola 2018-2019, attività distorsive e fortemente lesive degli interessi dei PATATICOLTORI DEL FUCINO, da parte di operatori commerciali che artificiosamente tentano di estrogenare il mercato.

Il prodotto IGP Patata del Fucino è fortemente apprezzato grazie all’importante campagna promozionale dello scorso anno condotta con impegni economici propri da soci del Consorzio e dalla promozione televisiva della Findus.

Esortiamo tutti gli aderenti alla Filiera IGP Patata del Fucino a mantenere fermi gli impegni presi e a diffidare delle proposte di commercianti che tendono a deprimere il prezzo e svilire il significato del marchio.
Invitiamo i rappresentanti della GDO, come previsto dal protocollo siglato tra le associazioni della GDO e il MIPAAFT (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Turismo) e con la costituzione di un tavolo permanente di confronto tra MIPAAFT, GDO e CONSORZI DOP e IGP, di favorire la diffusione e sostenere il sistema agroalimentare italiano di qualità, nel rapporto ed indicazioni del Consorzio di Tutela IGP Patata del FucinoIl Consorzio è tenuto a “collaborare, secondo le direttive impartite dal Ministero alla tutela e alla salvaguardia della DOP o dell’IGP da abusi, atti di concorrenza sleale…” e vigilerà attentamente, pronto ad applicare nel rispetto della vigente normativa nazionale e dell’Unione europea sotto il coordinamento dell’Ispettorato, le sanzioni previste per coloro che con il loro comportamento irresponsabile danneggiano l’immagine del marchio IGP e l’economia complessiva del territorio.
Il Consorzio ricorda ed invita:

  • tutti i produttori all’unità ed a non svendere le patate ad un prezzo inferiore ad € 0,35 al Kg (per
    prodotto idoneo calibrato e cernito)
  • i confezionatori, come del resto stanno facendo i più importanti confezionatori del territorio
    (AMPP, TORTI, ANGELUCCI, F.LLI CAMBISE, COOP.VA LA SERRA, LA
    CAMPAGNOLA, SIELCA 2 E COOP.VA COLTOR) che hanno rinunciato ai loro marchi
    aziendali per promuovere sul mercato un packaging unico per la promozione del territorio, ad
    immettere sul mercato le confezioni vertbag:
  • da 1,5 chilogrammi ad un prezzo minimo di €/Kg. 0,80,
  • da 2 e 2,5 kg ad un prezzo minimo di €/Kg. 0,75,
  • sacco rete da 5 ad un prezzo minimo di €/Kg 0,70.



Lascia un commento