Passaggio di consegne in Comune, Di Pangrazio passa la fascia a De Angelis (guarda il video registrato in diretta)



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Il nuovo sindaco di Avezzano è Gabriele De Angelis. Niente più spettro dell’anatra zoppa, che è il caso di dire, è finita nel forno nel tribunale di Avezzano.

Il presidente del presidio di legalità di Avezzano è arrivato in Comune a mezzogiorno in punto e ha chiarito: «in base alla giurisprudenza amministrativa ormai consolidata vada attribuito il premio di maggioranza alla formazione che ha conseguito la vittoria nel ballottaggio».

Gabriele De Angelis avrà dalla sua i 15 consiglieri eletti nella coalizione “Insieme”: Donato Aratari, Antonietta Dominici, Pierluigi Di Stefano e Chiara Colucci per la lista “Avezzano Rinasce”; Iride Cosimati, Maurizio Gentile e Massimo Verrecchia per “Avezzano Popolare”; Giancarlo Cipollone, Vincenzo Ridolfi e Mariano Santomaggio per “Forza Avezzano”; Emilio Cipollone e Annalisa Cipollone per “Innovazione per Avezzano”; Alessandro Pierleoni e Mauro di Benedetto per “Avezzano Insieme”; Alberto Lamorgese per la lista “Partecipazione Popolare”.

La minoranza del nuovo consiglio comunale sarà invece composta dal sindaco uscente Gianni Di Pangrazio, insieme a Lino Cipolloni (Avezzano Unione di Centro), Gabriele Tudico (Io sto con Avezzano), Domenico Di Berardino (PD), Mario Babbo (Per Avezzano), Ferdinando Boccia (Avezzano al centro), Cristian Carpineta (Avezzano Giovane). Gli ultimi due seggi saranno per i due candidati sindaci non finiti al ballottaggio: Francesco Eligi (M5S) e Leonardo Casciere (Progetto Casciere).

Dopo tanti anni esce dal consiglio comunale di Avezzano Roberto Verdecchia.

 

Dopo la proclamazione il presidente Forgillo ha rivolto i suoi auguri personali al nuovo sindaco per il lavoro che dovrà fare nella città. «Spero che almeno per quanto riguarda il tribunale» ha detto «il rapporto possa continuare ed essere sempre positivo. Auspico che uno spirito di pacificazione sociale possa contribuire a fare di questa città un emblema nella regione».

«Questo segno distintivo che sto indossando adesso, al di là del peso specifico, ha un peso enorme per me», le prime parole di De Angelis dopo aver indossato la fascia tricolore passatagli da Di Pangrazio. «I nostri avversari non esistono più» ha aggiunto, «li abbiamo assorbiti, sono i nostri amici. La nostra coalizione è inclusiva e vogliamo dare un segnale distensivo per rasserenare gli animi che dopo una campagna elettorale si surriscaldano sempre».

L’imprenditore ha poi ringraziato i suoi 168 candidati e le sue “tre donne”, la mamma Francesca, le figlie Nicole e Gaia e, tramite loro, tutte le donne che hanno partecipato a questa avventura. Gaia non è stata presente alla proclamazione perché domani ha gli esami di Stato e quindi impegnata a casa a studiare.

Un ultimo ringraziamento è stato per l’ex sindaco al quale de Angelis ha rivolto buone parole, anche abbracciandolo e alzandogli il braccio in alzo: «Sono convinto, che così come abbiamo trovato delle sintesi in passato, utili e importanti per fare delle cose di valore per la città, così sarà anche nel futuro».

LE FOTO CON DI PANGRAZIO E DE ANGELIS SONO STATE SCATTATE DA ROBERTA PLACIDA. LE FOTO CON IL PRESIDENTE FORGILLO DA PIERLUIGI PALLADINI.

LE FOTO NELL’UFFICIO DEL SINDACO SONO DI MAGDA TIRABASSI.




Lascia un commento