Orsi e altri animali selvatici che attraversano l’autostrada: riunione in Prefettura



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’Aquila – Riunione sulla problematica dell’attraversamento di orsi e di altri animali selvatici della sede autostradale Presieduta dal Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, si è svolta nella giornata di ieri una riunione per l’esame della problematica connessa all’attraversamento di orsi e altri animali selvatici della sede autostradale, in seguito al precedente incontro del 15 aprile dedicato al medesimo tema e alle numerose segnalazioni giunte in Prefettura da parte di Enti, Associazioni e cittadini relative ad un fenomeno particolarmente rilevante a causa dei rischi per la sicurezza degli automobilisti, ma anche per la salvaguardia della fauna selvatica.

All’incontro hanno preso parte il Commissario straordinario per l’espletamento delle attività di programmazione, progettazione, affidamento ed esecuzione dei necessari interventi per la sicurezza antisismica delle Autostrade A24 e A25; l’Amministratore delegato della società Strada dei Parchi s.p.a., nonché altri dirigenti della stessa società; la rappresentante della Direzione Generale per la vigilanza delle concessioni autostradali del Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibile; il rappresentante della Direzione Generale per il Patrimonio Naturalistico del Ministero della Transizione Ecologica; il rappresentante dell’ISPRA; il Direttore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise; il Commissario del Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino; il Questore della Provincia dell’Aquila; il Comandante Provinciale dei Carabinieri; il rappresentante del Comando Reparto Carabinieri del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise; i rappresentanti della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco, del Compartimento Polizia Stradale Abruzzo e Molise e del Centro Operativo Autostradale.

Il Prefetto Torraco, nel rammentare gli esiti della precedente riunione, ha illustrato la rilevanza del progetto promosso dalla Prefettura di L’Aquila, volto a predisporre strutture di sicurezza sulla rete autostradale in linea con gli standard più elevati.

Al riguardo, il progetto prevede la realizzazione l’installazione di una nuova barriera di recinzione di altezza superiore ai due metri realizzata con una rete zincata elettrosaldata ancorata ad una fondazione di calcestruzzo armato sull’intero percorso delle autostrade A24 e A25.

I lavori inerenti al primo lotto di intervento di circa 87 chilometri della rete autostradale interesseranno la Valle del Giovenco, nell’area marsicana; in particolare, inizieranno a breve gli interventi relativi a un tratto di circa 4 km in prossimità dell’area di sosta di Rivoli, individuato tra i punti maggiormente critici in relazione alla suddetta problematica.

La realizzazione di tale progetto sarà accompagnata da un’ampia campagna di sensibilizzazione degli automobilisti, da realizzarsi mediante la predisposizione di apposita e rinnovata cartellonistica volta ad incentivare l’osservanza di atteggiamenti caratterizzati da prudenza e responsabilità.

Il Prefetto e i partecipanti alla riunione hanno espresso soddisfazione per la realizzazione del risultato conseguito, che consentirà di mitigare il fenomeno dell’incidentalità stradale, contribuendo a tutelare sia l’incolumità degli utenti che l’unicità della fauna selvatica nell’ambito di un ecosistema caratterizzato da condizioni uniche di biodiversità.

Fonte: Prefettura dell'Aquila