OPOA-Marsia Confagricoltura, confronto sull’importanza dell’agricoltura sul nostro territorio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano– Questa mattina, alle ore 12.00, si è svolta presso la sede della Confagricoltura di Avezzano la conferenza stampa organizzata dalla Opoa-Marsia, Soc Cooperativa Agricola a.r.l., in collaborazione con la Confagricoltura.

Hanno partecipato alla conferenza il Presidente della stessa cooperativa, Luigi D’Apice, l’Amministratore Delegato Fabio Ciaccia, nonché il Presidente della Confagricoltura di L’Aquila, Stefano Fabrizi, confrontandosi con i giornalisti intervenuti, nonché con il resto dei partecipanti all’evento.

Molte sono state le domande ed a dir poco esaustive le risposte fornite, proponendosi il fine di presentare la Società OPOA-Marsia, nuova ed importante realtà sociale, operativa già dal 1 gennaio 2018 sul territorio Marsicano e che sin da subito si rivela essere una importante sede di crescita per l’economia e l’innovazione nel territorio Fucense. Si tratta di una società che mette insieme due Organizzazioni di produttori agricoli del Fucino, le quali fondendosi hanno realizzato una vera e propria aggregazione di produttori. La compagine sociale si compone di aziende tra le più rappresentative sul territorio e omogeneamente distese sull’intera area Marsicana.

Il confronto di questa mattina ha svelato le finalità che la Società OPOA- Marsia si propone di perseguire, tra le quali vi è l’integrazione dei fattori produttivi, organizzativi, commerciali, per aumentare la capacità competitiva della produzione agricola fucense e la valorizzazione dei prodotti. Illuminanti poi le parole del Presidente Luigi D’Apice il quale rivela che “ la missione di OPOA Marsia è quella di aumentare la nostra capacità competitiva ed acquisire un rilevante posizionamento strategico sui diversi segmenti di mercato nazionali ed esteri, ma, soprattutto, vogliamo valorizzare al meglio i prodotti dei nostri associati e creare lavoro e sviluppo economico nel territorio”.

Si sottolinea dunque la necessità di un confronto diretto con nuove realtà, avendo come fine una maggiore competitività nei prezzi, ma soprattutto nella qualità e salubrità dei prodotti, nonchè nella ricerca. Sul punto poi si è espresso l’Amministratore delegato, Fabio Ciaccia, il quale propone l’accrescimento della capacità competitiva delle aziende “ attraverso l’introduzione di innovazioni tecnologiche, la salvaguardia e protezione dell’ambiente, la promozione commerciale, la prevenzione e gestioni dei rischi”, così consentendo a tutti di comprendere come la nuova realtà OPOA-Marsia è davvero un nuovo punto di partenza non solo per l’economia locale, ma per l’aggiornamento dell’agricoltura attraverso l’acquisizione di nuove tecniche, puntando all’aumento della qualità dei prodotti, alla tutela ambientale del nostro territorio, fornendo in tal modo maggiore produzione ed espansione del biologico e molte più garanzie per il consumatore finale.

Nel corso della conferenza, attraverso la presentazione di alcuni dati, è stato evidenziato il significativo balzo in avanti della produzione ad opera di questa nuova Società, OPOA-Marsia, nonché un maggiore impiego sul territorio, giacchè la stessa tra collaboratori, impiegati e professionisti accosta le mille unità. I numeri della fusione infatti sono importanti, circa 136 soci per un piano industriale che punta alla coltivazione di 1052 ettari a ortaggi tra cui Finocchi Carote e altri, con fatturato superiore ai 30 milioni di euro.

L’obiettivo è quello di aumentare le percentuali di presenza e produzione del territorio Fucense sui principali sbocchi di mercato, promuovendo una nuova agricoltura al passo con i tempi, che punta ad essere 4.0 attraverso l’uso di droni sulle colture, piuttosto che arrestarsi alla sola agricoltura di precisione con GPS, e a tal fine ci saranno importanti finanziamenti dell’UE volti proprio alla crescita numerica e di qualità di beni e servizi. Ciò consente e consentirà di non arrestarsi ad una agricoltura statica e tradizionalista, ma anzi talmente avanzata da essere sede di lavoro di personale altamente specializzato. Fabrizio Lobene, presidente della Confagricoltura di L’Aquila, apprezza l’intervento sull’economia degli imprenditori del Fucino giacchè sostiene che questi ultimi “ ce la stanno mettendo tutta per garantire la crescita e lo sviluppo occupazionale”. Rivela poi il suo augurio per questi importanti investimenti affinchè possano valorizzare queste “imprese locali che non hanno alcuna intenzione di delocalizzare” e inoltre svela l’importanza dell’aggregazione a fronte di “miopi politiche di campanile”.

La conferenza ha visto dunque un fondamentale confronto sull’importanza dell’agricoltura sul nostro territorio. Il Fucino si rivela da sempre fonte di ricchezza per la nostra area Marsica e il pensiero lo si rivolge soprattutto al futuro della nostra agricoltura, con l’auspicio che i giovani possano tornare a valorizzare questo settore tanto importante e che gli attraverso Università e Enti di Ricerca possano dirsi informati e pronti a intraprendere attività agricole prioritarie nel nostro territorio.




Lascia un commento