Omicidio Callegari, la corte d’Appello conferma la condanna a sedici anni per Pietro Catalano



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – La Corte d’Appello dell’Aquila, presieduta dal dottor Catelli, ha confermato la condanna a 16anni di reclusione per Pietro Catalano, 49 anni.

Nel settembre di due anni fa l’uomo, che lavorava come buttafuori in diversi locali marsicani, aveva affrontato Marco Callegari, ex pugile di un anno più giovane – in località “Piccola Svizzera”, lungo la strada che collega Tagliacozzo a Cappadocia – e al termine di una violenta colluttazione aveva esploso contro il rivale alcuni colpi d’arma da fuoco.

Marco Callegari era spirato prima di giungere all’ospedale avezzanese. Pietro Catalano, difeso dall’avvocato Romolo Longo, era stato condannato in primo grado e con rito abbreviato a 16 anni, condanna oggi confermata in Appello. Altri sei uomini, presenti allo scontro culminato con la tragica fine di Callegari, erano già stati rinviati a giudizio per rissa, con udienza fissata al febbraio 2018.




Lascia un commento