Olicar: dipendenti proclamano 8 ore di sciopero



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Facendo seguito alla proclamazione dello stato di agitazione dei 2 ottobre, la FIM-CISL e relative R.S.A., proclamano ulteriori 8 ore di sciopero, per il prossimo 16 novembre se, entro il 15 dello stesso mese, non sarà disponibile e, quindi, certa, la retribuzione del mese di ottobre u.s., per i lavoratori di tutti i presidi interessati.

“A sostegno di quanto precedentemente comunicato – scrive Antonello Tangredi (Fim-Cisl)- , si aggiunga il fatto che, gli aspetti relativi alla “sicurezza” nei posti di lavoro, più volte denunciati dalla FIM-CISL, non sono stati affatto presi in considerazione dalla Società e, quindi, permangono i pericoli in capo ai lavoratori stessi, nello svolgimento di alcune funzioni. Attraverso la presente, infine, si comunica alla Società che, con l’invio e, quindi, la ricezione della presente, devono intendersi interrotti i termini di prescrizione per eventuali rivendicazioni di carattere contrattuali e legali a tutela dei dipendenti, con relativa messa in mora della Società Capofila e consociate/ consorziate. La FIM-CISL e relative R.S.A., pertanto, fermo restando il blocco degli straordinari in essere (30 giorni dal 20.10.17), proclamano, altresì, il blocco delle reperibilità, con decorrenza dalla mezzanotte del 3 novembre. Lo sciopero,quindi, è stato indetto per il 16 novembre: 8 ore a partire dalle 6 e il blocco delle reperibilità da oggi. Lo stato di agitazione sarà mantenuto fino a diversa disposizione sindacale.




Lascia un commento