O Mups o niente scuola. Ecco i documenti inviati al prefetto e alla procura



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. I genitori dell’istituto Fermi Mazzini e delle scuole medie Corradini sono decisi: “O arrivano i moduli provvisori, i cosiddetti Mups, oppure i nostri figli, il 12 settembre, non torneranno a scuola”.

Corre su whatsapp la comunicazione tra un nutrito gruppo di genitori che ha dato vita a una petizione che raccoglie decine di adesioni ogni mezz’ora.

La raccolta delle firme sarà inviata a breve alla procura della Repubblica di Avezzano e al prefetto dell’Aquila Francesco Alecci.

Per la raccolta delle firme si sono messi a disposizione diverse attività commerciali e gli studi professionali di diverse mamme.

La petizione al momento si trova al bar Pigalle, allo studio legale Antidormi in via Corradini, 225 e allo studio legale Mancini e Santullo in via Trento 43. Le firme raccolte sono già centinaia.

I genitori, che rifiutano ogni tipo di etichettatura politica, chiedono sicurezza per i propri figli e soprattutto prevenzione. La polemica è incentrata anche sul fatto che alla Mazzini Fermi alcune classi sono ospitate nel seminterrato della struttura, che nessuna sicurezza danno a chi manda lì i piccoli studenti.

Intanto i genitori si tengono informati sulle veriche sulle scuole. Verifiche che, in alcuni casi, avverranno dopo il rientro degli studenti.

Intanto un gruppo di rappresentanti sta anche iniziando a pensare a una grande manifestazione sotto alle scuole e al palazzo comunale che faccia capire agli amministratori che nessuna scelta sarà condivisa se non quella dei Mups.

 

Leggi i documenti inviati in procura e al prefetto dell’Aquila:

Nuovo documento 7

Nuovo documento 8

Nuovo documento 9




Lascia un commento