Nuova pista ciclabile ad Avezzano “foto-sorvegliata 24 ore su 24”, ecco le istruzioni per l’uso



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano –  “Come te movi te fulmino”. È quello che succede oggi sulla pista ciclabile di Avezzano. I commenti sui social ironici e impietosi “incorniciano” gli scatti ed i video impietosi di malcapitati e distratti che utilizzano in maniera impropria lo spazio riservato ai velocipedi.

Il cellulare a portata di mano non perdona. ed ogni cittadino diventa un terminale di sorveglianza  e denuncia delle attività “in pista”. La strada del successo della pista ciclabile sembra proprio tutta in salita. Ci sono delle difficoltà oggettive da superare per il corretto utilizzo di questa innovazione per centro città di Avezzano. Non sono mancati incidenti per i quali cui è stato necessario il pronto soccorso dell’ospedale.

Le opinioni del popolo di Avezzano, preso forse un po’ alla sprovvista da questo nuovo strumento urbanistico, corrono sui social e sono differenti. dalla critica più feroce a quella costruttiva, c’è chi chiede di dare una possibilità alla pista ciclabile e chi invece è scettico sin dall’inizio sperando che non faccia la fine “dell’anello”.

Noi per puro senso civico riportiamo quelle che sono le brevi regole all’utilizzo della pista ciclabile sintetizzate in uno scritto del Dr. Ing. Stefano Ferrigno.

 

La circolazione dei velocipedi è regolata dall’art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della Strada) e dall’art. 377 del D.P.R n. 495/1992 (Regolamento di Attuazione del Codice della Strada).

In particolare i velocipedi sono obbligati ad utilizzare le piste ciclabili loro riservate, dove esistenti, ed evidenziate mediante l’apposizione della prescritta segnaletica verticale ed orizzontale.

Inoltre i ciclisti devono condurre il veicolo a mano quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo per i pedoni, in particolare quando si muovano su percorsi agli stessi riservati.

In tal caso, i ciclisti con veicolo a mano sono assimilati ai pedoni e devono usare la comune diligenza e la comune prudenza perché siano evitati pericoli per se e per gli altri.

Lo stesso comportamento è richiesto in particolare nel caso di utilizzo delle “strisce pedonali” nonché di attraversamento di carreggiate a traffico particolarmente intenso e, in generale, dove le circostanze lo richiedano, così come prescritto dal Codice della Strada.

Laddove termina la pista ciclabile è possibile trovare un attraversamento pedonale oppure un attraversamento ciclabile.

Il primo è contrassegnato da rettangoli di colore bianco (le ben note “strisce”: per quanto già detto il ciclista deve scendere dal velocipede e comportasi come un pedone.

Il secondo è invece individuato da piccoli quadrati bianchi e descrive l’ideale prosecuzione della pista ciclabile: il ciclista può rimanere in sella e gode del diritto di precedenza nei confronti degli altri veicoli, salvo diversa segnalazione.

Quest’ultima può essere costituita da un impianto semaforico appositamente dedicato, individuabile per la presenza del simbolo della bicicletta sulle lanterne.

In assenza di apposita segnalazione, ed in particolare quando le lanterne semaforiche siano quelle dedicate al traffico pedonale, i ciclisti devono seguire un comportamento identico a quello dei pedoni.

In particolare l’Art. 377 Regolamento di Attuazione del C.d.S. , comma 7, prescrive che “Ove le piste ciclabili si interrompano, immettendosi nelle carreggiate a traffico veloce o attraversino le carreggiate stesse, i ciclisti sono tenuti ad effettuare le manovre con la massima cautela evitando improvvisi cambiamenti di direzione.”

Una particolarità è costituita dai percorsi promiscui tra pedoni e ciclisti: la cosiddetta pista ciclo-pedonale, che pone ulteriori problematiche, atteso che il conflitto tra pedoni e biciclette è spesso maggiore di quello con le automobili.

Una circostanza che deriva sia alle differenze cinematiche che all’imprevedibilità ed irregolarità delle traiettorie dei pedoni, statisticamente abituati a non prestare attenzione al traffico su percorsi protetti e dunque facilmente non predisposti a prevedere la presenza del ciclista.

Anche senza raggiungere situazioni di pericolo, questa acclarata tendenza porta come minimo all’ostacolo e quindi al rallentamento del traffico ciclabile, in particolare per l’attitudine dei gruppi di pedoni ad occupare l’intera larghezza disponibile.

Queste problematiche sono ben note ai progettisti, onde il percorso ciclo-pedonale è da evitare in tutti i casi ove sia possibile.

In ogni caso, il ciclista deve anche in questo caso marciare con cautela cercando di evitare in ogni caso il conflitto con i pedoni, anche laddove gli sia impedito il transito, mantenendo una velocità ed una traiettoria adeguata ad arrestare tempestivamente il velocipede di fronte ad ogni situazione di pericolo prevedibile.



Lascia un commento