Nella Valle del Giovenco il rilancio passa per le fusioni



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina – A Pescina, davanti a una sala gremita, si è tenuto sabato  1 ottobre il convegno sul  tema : “Fusione dei Comuni opportunità e necessità, idee di rilancio della Valle del Giovenco” , che ha dato vita a un proficuo confronto tra i sindaci partecipanti ,in modo particolate sul tema della Coesione territoriale.

È emersa una diffusa consapevolezza dell’esigenza di guardare al Futuro con posture amministrative innovative e coesive che sappiano cogliere anche le incentivazioni che giungono da Stato e Regione. Il tema della Fusione è stato ampiamente soppesato alla luce delle importanti relazioni che hanno fatto ben comprendere il Tema, la Strategia in cui ci si inserisce e le Prospettive.

A tal proposito sono intervenuti  la Dr.ssa Maria Gigliola Cirrillo del Comitato Nazionale aree interne; il Prof. Roberto Mascarucci Ordinario della Facoltà di Urbanistica, autore inoltre del secondo quaderno sul “Sistema urbano regionale”;  con la concretezza delle testimonianze dell’Assessore alla Coesione territoriale del Comune di Popoli, Giovanni Diamante e il Sindaco del Comune Fuso di Trecastelli, Faustino Conigli,  che dalle Marche  ha portato dati e risultati incoraggianti in merito alla fusione. L’incontro è iniziato con i Saluti del Sindaco di Pescina, Stefano Iulianella, che ha organizzato l’evento insieme all’Associazione Ripensiamo il Territorio che per bocca del suo V. Presidente, Giovanni Natale, ha messo in risalto le potenzialità economiche che si stanno perdendo non sfruttando le incentivazioni nazionali  e regionali disponibili.

A chiusura del convegno l’intervento del Consigliere della Regione Abruzzo, Maurizio Di Nicola, al quale va il merito di aver intuito le potenzialità della Fusione, come dimostra la pioneristica proposta di Legge regionale sugli incentivi alle fusioni dei piccoli comuni, e che, a conclusione del dibattito, si è fatto carico, in modo estremamente costruttivo, di diversi suggerimenti provenienti dalla platea per apportare modifiche migliorative alla legge. Il Consigliere ha dichiarato che questo Convegno è solo il punto di partenza, e da parte sua si impegnerà, in ambito regionale, per fecondare e consolidare questi momenti di aspirazione al rilancio di tutta la Valle del Giovenco, e non solo.

L’incontro ha già dato i primi frutti, poiché dal dibattito è emersa la proposta di fusione tra i  comuni di Gioia dei Marsi, Ortucchio e Lecce dei Marsi: ora auspichiamo che si passi ai conseguenti atti deliberativi e siano da viatico per gli altri comuni contingui.  Non sono mancate le voci dissonanti che hanno corroborato, però  la discussione aiutando a comprendere l’esigenza di ulteriore   maturazione tra la gente.  Il miglior modo per valutare la positività generale del Convegno emerge dalle parole spese dal Giornalista Ennio Bellucci, Coordinatore dell’evento:  “… ottimo il livello, alta la qualità delle relazioni svolte. È  stato concreto, propositivo e di prospettiva”.




Lascia un commento