Muore di Covid a 43 anni, oggi conferimento dell’incarico per accertamenti tecnici irripetibili



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Verrà conferito questa mattina, alla dottoressa Simona Ricci, l’incarico per effettuare gli accertamenti tecnici irripetibili sulla salma di Alberto Valentini, il 43enne di Tagliacozzo morto, lo scorso 16 aprile, all’ospedale di Avezzano. Sul caso, la procura di Avezzano ha aperto un fascicolo contro ignoti che ipotizza il reato di omicidio colposo. Titolare del procedimento è il PM Lara Seccacini.

L’inchiesta è stata avviata dopo l’esposto presentato dai parenti di Valentini, rappresentati dagli avvocati Luca e Pasquale Motta. Il 43enne era stato ricoverato il 9 aprile scorso all’ospedale civile di Avezzano e prima di contrarre il virus non aveva mai sofferto di malattie importanti ed anzi era un vero e proprio sportivo. Stando a quanto riferito dai familiari, fino al 16 aprile le sue condizioni di salute erano relativamente buone. Poi, improvvisamente, peggioravano e nell’arco di un paio d’ore decedeva.