Monti Marsicani e Sirente-Velino protagonisti della rivista Meridiani Montagne



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

MarsicaMeridiani Montagne, rivista bimestrale monografica sulle montagne del mondo, dedica il suo ultimo numero, il 105 di luglio 2020, ai Monti Marsicani e al Sirente-Velino. Anche le nostre montagne finiscono in copertina, dunque. Nell’editoriale del direttore della rivista, Marco Casareto, si può leggere: “Più conosciuti sono i Monti Marsicani e le cime del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, con il Sottogruppo delle Mainarde. La Marsica è una terra schiva, fatta di montanari e valli selvagge. Qui la tradizione si respira ancora forte. Nei primi anni Venti il pescasserolese Benedetto Croce, filosofo e poi senatore, promosse la prima legge italiana di tutela del paesaggio. Erminio Sipari, suo cugino, fu il primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo (allora si chiamava soltanto così) e capì subito – come racconta Stefano Ardito nel reportage che apre questo numero di Montagne – che in Italia un’area protetta doveva includere i centri abitati e portare lavoro e ricchezza, non essere solo un’area di wilderness come negli Usa“.

Nel luglio del 2018 Meridiani Montagne aveva dedicato un numero al Gran Sasso e alla Majella adesso, invece, è arrivato il tempo di muoversi in altri spazi d’Abruzzo, quelli che si trovano tra il Parco naturale Sirente-Velino e il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. In questo numero si potrà camminare per giorni lungo un percorso che unisce idealmente le due aree protette, tra Ovindoli e Pescasseroli, tra le tondeggianti vette tipiche dell’Appennino e montagne dalle forme alpine. Si seguiranno le tracce del camoscio appenninico – salvato dall’estinzione e oggi in costante ripresa – e quelle dell’orso marsicano e del lupo.

Monti Marsicani e Sirente-Velino protagonisti della rivista Meridiani Montagne