Montelisciani e Di Marco Testa: “Da Tordera anche per le strutture di Tagliacozzo e Pescina”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Contro il taglio dei servizi sanitari del territorio da Tordera sono arrivati anche i consiglieri comunali Vincenzo Montelisciani e Maurizio Di Marco Testa.

“Ieri mattina, insieme ad altri amministratori comunali della Marsica, Sindaci e consiglieri, nonché ai consiglieri Regionali Maurizio Di Nicola, Lorenzo Berardinetti e Emilio Iampieri (quest’ultimo organizzatore dell’incontro) siamo stati ricevuti dal manager della Asl Rinaldo Tordera per manifestare la contrarietà dei cittadini marsicani all’ennesimo taglio delle prestazioni sanitarie marsicane, che stavolta si è abbattuto sul servizio di neurochirurgia dell’Ospedale di Avezzano”, dice Montelisciani, “Del Comune di Tagliacozzo eravamo presenti io e il Consigliere Maurizio Di Marco Testa, nonché la rappresentante del Comitato Pro Ospedale Avv. Rita Tabacco.

Insieme abbiamo chiesto al Manager di impegnarsi per il ripristino del servizio di neurochirurgia, che è di vitale importanza per l’intera popolazione marsicana.

Abbiamo anche ribadito la necessità di rafforzare la rete dell’emergenza e dell’urgenza territoriale, e in particolare le infrastrutture di primo intervento sul territorio, a cominciare da quelle di Tagliacozzo e Pescina, che, stando alle recenti disposizioni regionali, si avvieranno ad essere disattivate e sostituite da semplici postazioni di 118 “entro un arco temporale prestabilito”.

Il manager si è dimostrato disponibile, nei limiti dei margini concessi dalla Regione Abruzzo, che non sono molti.

Adesso la palla passa al Consiglio Regionale, che è tornato da poco nella piena facoltà di decidere e di disporre in materia di Sanità, e che quindi può modificare le norme che penalizzano le aree interne. Buon lavoro a chi condurrà questa lotta nelle istituzioni.

Noi, dal canto nostro, dobbiamo prepararci a dare battaglia, a partire dall’istituzione comunale. Una battaglia non semplice, ma che va fatta, senza mettere la testa sotto la sabbia, e senza silenziare chi prova ad affrontare seriamente il problema, come pure il Sindaco e la maggioranza hanno tentato di fare nei giorni scorsi.

Con una mobilitazione forte delle istituzioni e dei cittadini si possono ottenere risultati tangibili! Su la testa”.




Lascia un commento