Maxi condotta in mezzo al Fucino, il Tribunale di Avezzano rigetta il ricorso dei proprietari

Avezzano – Il Tribunale di Avezzano, con sentenza del 21 giugno scorso, ha rigettato il ricorso proposto dagli avvocati S. Braghini e R. Lancia con una sentenza pubblicata pochi giorni fa, ponendo la parola fine alla vicenda civile relativa alla condotta idrica installata dai titolari dell’azienda agricola Lago D’Oro, di S. Benedetto dei Marsi. La suindicata azienda, dopo aver usato per anni tubazioni esterne con consenso dei proprietari dei fondi attraversati, aveva deciso d’interrarle.
Il processo, iniziato tre anni fa, ha visto l’opposizione di alcuni proprietari di terreni siti nel Comune di Collarmele che non accettavano i lavori eseguiti.
L’azienda agricola Lago D’Oro, che dà lavoro a oltre cento famiglie della zona, aveva bisogno dell’approvvigionamento dell’acqua per coltivare i propri fondi, pertanto, anche per agevolare il transito dei mezzi agricoli, aveva provveduto al citato interramento.
Il Tribunale di Avezzano ha dunque respinto il ricorso presentato dai legali dei proprietari, condannando questi ultimi al pagamento delle spese di causa, e ha accolto le difese svolte dall’avvocato Roberta Confortini nell’interesse dell’azienda agricola

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0.00
Send this to a friend