Marsica: tempo variabile a Pasqua e a pasquetta



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Meteo Marsica

Nel corso della giornata di giovedì, i venti di Scirocco, forieri di polveri sahariane, smetteranno di soffiare e, sul nostro territorio marsicano, insisterà un tempo spiccatamente variabile. Il particolato che si è depositato sulle automobili, dunque, non si tratta di sabbie, ma polveri, perché queste ultime con un diametro più piccolo e meno dense rispetto ai granelli di sabbia, che non riuscirebbero a rimanere in sospensione nell’atmosfera, ma soltanto a ricadere immediatamente verso il basso, come nelle tempeste di sabbia. Ebbene, nelle prossime ore, nuvole nembostrati che si alterneranno ad ampie schiarite, accompagnate da freddi venti di Grecale e di Tramontana. Tale nuvolosità variabile sarà associata a sporadici e locali rovesci di pioggia. Nella giornata di venerdì, le correnti di Tramontana cadranno e il Sole tornerà a splendere. Tuttavia, tale miglioramento delle condizioni meteorologiche, sarà abbastanza breve e seguito da un altro breve peggioramento del tempo che ci interesserà solo nella giornata di sabato, attraverso annuvolamenti, venti tesi settentrionali e rovesci di pioggia anche di moderata intensità. Entro la Santa Pasqua, il tempo migliorerà nettamente, cosicché possa di nuovo splendere il Sole e, nonostante qualche nuvola innocua, potranno prevalere ampi spazi di sereno. Nella giornata di lunedì, una modesta perturbatazione di origine atlantica, darà luogo a un guasto delle condizioni meteorologiche sulle regioni settentrionali e centro-settentrionali, successivamente farà sì che le nuvole aumentino su parte delle regioni centrali, cosicché anche sui settori tirrenici e sulla Marsica, ci saranno più nubi stratiformi e nembostrati, queste ultime potranno successivamentre rappresentare un cambiamento del tempo (martedì). Le temperature saranno su valori tipicamente invernali, sbalzi attinenti ai volti volubili della Primavera, quando la Tramontana cesserà, si faranno avvertire temperature massime più miti, i primi tepori primaverili che si attenueranno con la notte, merito le escursioni termiche dovute a un’area di alta pressione Subtropicale che proteggerà temporaneamente le regioni meridionali.
Vi ringrazio per l’attenzione.



Lascia un commento