Marsica nella morsa del maltempo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – Ancora un colpo di coda del Burian, il vento di aria gelida che dagli Urali ha investito l’Europa facendo colare a picco le temperature nelle scorse settimane.

Il primo giorno di primavera gran parte della Marsica si è svegliata in un paesaggio imbiancato da una nevicata che è iniziata nella giornata di ieri 20 marzo ed è proseguita durante la notte, fino a 700 m. di quota.

Una neve debole-moderata, che oggi continua a interessare Celano, Ovindoli e Scanno fino a Pescasseroli e Campo di Giove, secondo le previsioni dell’Aeronautica militare cadrà ancora domani 22 marzo a Tagliacozzo, con possibili fenomeni di vento forte, Avezzano e San Benedetto dei Marsi, per lasciare il posto a un cielo nuvoloso in serata.

Venerdì 23 marzo ancora deboli nevicate a Celano, pioggia nelle zone di Avezzano, Tagliacozzo e Luco dei Marsi. Dalla serata di venerdì e per tutto il fine settimana nuvoloso o parzialmente nuvoloso.

Colonnina di mercurio stabile in tutta la zona con minime di pochi gradi sotto lo zero fino ai -7 di Ovindoli, ma la temperatura percepita può scendere anche a -11 a causa dell’elevata umidità che raggiunge l’85%.

Segnalata una criticità per il giorno 21 marzo dal servizio Allerta meteo della Regione Abruzzo, un codice giallo per «rischio idraulico diffuso» nelle zone del bacino dell’Aterno, dell’Alto e Basso Sangro e della Marsica (zona di allerta ABRU-E).

Il rischio idraulico, si legge sul sito del Dipartimento della Protezione civile, «corrisponde agli effetti indotti sul territorio dal superamento dei livelli idrometrici critici (possibili eventi alluvionali) lungo i corsi d’acqua principali».

«Si invitano i Comuni nelle zone di allerta in cui è prevista criticità a prestare particolare attenzione in special modo nelle zone in cui sono presenti movimenti franosi in atto e sulle aree percorse da incendi».(A.M.B.)




Lascia un commento