Marsica: le piante dimenticate



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Negli ultimi decenni, con lo scopo di assicurare una migliore qualità della vita umana, si è sviluppata una politica ambientale in agricoltura verso organismi geneticamente modificati. Nel lungo percorso del progresso si è perso, in agricoltura, un patrimonio di biodiversità e produzione di qualità.

Ma ultimamente, con la ricerca del biologico, del prodotto naturale, è scattato il processo inverso e, partendo da Enti locali, Parchi regionali, associazioni e piccoli produttori, si stà cercando di valorizzare e riportare a nuova vita prodotti completamente dimenticati. Snobbati, sottovalutati, disprezzati o perfino sconosciuti: quanti aggettivi negativi hanno collezionato col passare del tempo alcuni prodotti della terra e quanta ‘memoria’, quante ‘tradizioni’, quanti valori e quanti sapori di una volta sono spariti con loro a favore di una globalizzazione e di un’evoluzione troppo mirata al minor lavoro e maggior guadagno. Spariti sia dalle nostre memorie che dalle tavole, alcuni frutti oggi considerati ‘minori’ in un tempo non lontanissimo erano preziosi perché garantivano un’ottima riserva di cibo e perché crescevano spontaneamente nelle campagne, nelle radure boschive e nei prati, regalando raccolti floridi e abbondanti.

Purtroppo con la scomparsa dei vecchi contadini di fine secolo scorso, si è persa la conoscenza. È importante ricordarne qualcuno nella speranza che la nuova generazione, attenta ed interessata a riscoprire i valori passati, li riscopra riportandoli sulle nostre tavole. E così si riprende a coltivare frutta e verdura che un tempo erano la normalità mentre oggi l’eccellenza rara. Si può iniziare questo viaggio dalla MELA TINELLA.

meleperecotogne2

All’aspetto un po’ schiacciato ai poli, di pezzatura media, , con peduncolo corto.
La buccia è di colore giallo striata di rosso scuro, con sfumature di colore bianco. La polpa è soda, croccante, di colore bianco e sapore leggermente acidulo. Molto profumata, si matura in ottobre, molto conservabile per mesi era una risorsa per le famiglie.

Altro prodotto è il GRANO MARZUOLO o TIMILIA o SARAGOLLA, un frumento che resiste bene alla siccità considerato un grano duro in via di estinzione nonostante la sua facile produttività, in quanto negli ultimi decenni poco richiesto dalla grande distribuzione, è ormai diventato un prodotto raro e pregiato.
Il periodo di semina è marzo nelle zone collinari (può essere anticipato a gennaio nelle zone marittime) per questo motivo è chiamato grano marzuolo.

Si prosegue con il POMODORO A PERA, (dalla sua forma), da sempre apprezzato per la poca presenza di semi e l’abbondante polpa che lo rendono ideale per la passata. Ha un gusto dolce e vellutato , un profumo intenso ma facilmente deperibile e non adatto al trasporto e quindi accantonato dai produttori.

Poi c’è la PESCA A TESTA ROSSA , varietà di pesca a maturazione tardiva (ottobre), con frutti medio-piccoli, buccia vellutata, profumata, succosa e dolcissima. Il nome “Testa Rosce” è legato alla caratteristica polpa di colorazione rosso scura, abbandonata perché non molto produttiva.

Continuiamo con la CICERCHIA. E’ un legume antico molto semplice e rustico, simile per forma al cece. Chiamata cicercula dai Romani e considerata un legume povero, la Cicerchia è stata, in origine e per lungo tempo, l’alimento che ha permesso ai nostri antenati di sfamarsi quando non avevano a disposizione cibi più ricchi ed elaborati. È molto robusta e di non ha bisogno di particolari trattamenti: si adatta infatti a crescere in condizioni molto difficili, su terreni poveri ed aridi, e resiste anche alle basse temperature.

Ma c’è anche la meno conosciuta ROVEJA. È un piccolo legume dal seme colorato che va dal verde scuro al marrone, grigio, simile per forma al pisello e per gusto alla fava. Cresce ancora spontaneo in montagna, anche nei prati e tra le rocce, dimostrando una naturale forza. È progenitrice del pisello comune .La sua crescita spontanea lungo le scarpate e nei prati l’ha resa protagonista dell’alimentazione di pastori e contadini insieme ad altri legumi poveri come lenticchie, cicerchie, fave, e a cereali, come orzo e farro. Oggi è poco diffusa in particolare per la sua raccolta faticosa dovuta ai lunghi steli che tendono a coricarsi a terra.

Altro prodotto raro è il FARRO MONOCOCCO o piccolo farro, un cereale con oltre 20.000 anni di storia. La pianta si distingue per una naturale resistenza a stress e malattie. La bassa necessità di concimazione la rendono adatta per coltivazioni a basso impatto ambientale. La farina che se ne estrae è una preziosa fonte di proteine vegetali e fibre.
C’è necessità di impegnarsi al recupero delle antiche piante da frutto, e con esse di tutte quelle tradizioni che rischiano di sparire per sempre .
Ma torniamo ai nostri frutti dimenticati e cerchiamo di conoscere meglio alcuni di quelli ad oggi più ignoti o comunque spariti dai banchi della frutta dei supermercati e dei mercati ortofrutticoli. Si potrebbe continuare all’infinito ma finirò con pochi altri. Senza neanche saperlo, molti potrebbero abitare vicino ad un bell’alberello di PERE o MELE COTOGNE che nell’antica città di Cydon (Creta) erano soprannominati ‘pomi d’oro’ e offerti in dono agli Dei. Fino al XVII secolo, questi frutti furono considerati un toccasana per l’azione astringente e come antidoto contro i veleni.

O di AZZERUOLE, oppure di CORNIOLE che la tradizione narra come il legno del Cavallo di Troia, così come il giavellotto con il quale Romolo tracciò i confini di Roma.
O ancora le GIUGGIOLE che la leggenda racconta sia una delle due piante che servirono a preparare la corona di spine di Gesù, o i CORBEZZOLI ai quali i Latini attribuivano poteri magici e secondo la testimonianza di Virgilio riportata nell’Eneide, sulle tombe dei defunti venivano lasciati dei ramoscelli di corbezzolo a simbolo della stima nutrita nei confronti del defunto.

O SORBI che nelle leggende europee serviva a tenere lontani gli spiriti maligni dalle case. Queste piante antiche rappresentano il nostro patrimonio storico e vale la pena tutelarle e ricominciare ad apprezzare , invece di scovare frutti esotici, estranei alla nostra tradizione. Quindi giovani produttori della nostra bella terra marsa, abbiate coraggio. Il tempo che scorre sta cancellando i ricordi, prendete rimedio prima che sia troppo tardi e riportate in vita il cibo antico che per millenni ha nutrito i nostri avi e li ha resi il grande popolo che fu.




Lascia un commento