Marsica, il Pastore Abruzzese “Macho” affronta e mette in fuga un branco di lupi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Opi – Il forestale Secondino Cimini ha immortalato il momento in cui ai piedi di Opi il suo Pastore Abruzzese, Macho, ha messo in fuga un branco di 5 lupi.

“Sono rimasti immobili per qualche secondo a mostrarsi i denti, poi il lupo è scappato e il mio cane lo ha inseguito. Ho dovuto richiamarlo io perché di lupi ce ne erano 5 o 6 e temevo potesse farsi male. Invece non è successo niente”.

Uno dei cani da guardiana più diffusi è proprio il Pastore Abruzzese, quello di Secondino Cimini, che ieri mattina ai piedi del suo paesino medioevale si è lanciato sui lupi accompagnato da un secondo cane che è rimasto alle spalle, in posizione di difesa.

Spiega Secondino Cimini:

“Anche i lupi verso i quali si è diretto Macho erano la retroguardia, il capobranco, infatti, era più avanti e si era diretto sulla carogna di un animale. In totale io ho visto cinque, sei lupi e l’incontro è stato spettacolare.
Macho si è fiondato verso di loro accompagnato dall’altro cane e tra un abbaio e l’altro si è posizionato davanti a loro muso verso muso con uno dei lupi più avanzati. Pochi secondi e poi è partito l’inseguimento e sono stato io a doverlo richiamare in paese. Macho reagisce sempre così, d’istinto. Se io non lo richiamo si mette a inseguirli per allontanarli.
Poi non nego che un po’ di paura viene, perché c’hanno insegnato a temerli, però quando li ho incontrati sono sempre stati loro a scappare”.

Il lupo si può anche non amare, ma lo si può affrontare ad armi pari, senza uccisioni o catture, tra l’altro entrambe proibite dalla legge, comitati per l’ordine e la sicurezza pubblica e slogan: una cosa concreta la si può fare, ovvero cominciare da un buon Pastore Abruzzese.

Così come si continua a leggere da “Il Dolomiti”, in questi giorni il tema è tornato alla ribalta in Trentino Alto Adige, dove il problema dei lupi è ormai una questione di ordine pubblico, al punto che sia il presidente della provincia Fugatti sia l’assessora all’agricoltura, foreste, caccia e pesca Zanotelli, hanno ritenuto necessario convocare un tavolo per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Eppure il numero di animali da pascolo uccisi nel 2017 dai lupi trentini è di soli 99, a fronte di oltre 51.000 capi di ovini/caprini presenti sul territorio e quasi 46.000 bovini.
Insomma davvero il nulla, e tra l’altro in tutte queste situazioni si trattava di esemplari in mano ad allevatori che non applicavano i sistemi di difesa previsti anche a livello provinciale, ovvero il recinto elettrificato, la presenza del pastore e il cane da guardiana.

Le foto sono di Secondino Cimini, con il suo bellissimo cane Macho.