Lo Stadio dei Pini ad un passo dal restyling



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – L’Amministrazione comunale è ad un passo dalla realizzazione del nuovo volto dello Stadio dei Pini di Avezzano. A renderlo noto il sindaco, Giovanni Di Pangrazio, che annuncia l’invio di tutta la documentazione per la richiesta del mutuo a tasso zero che permetterà la ristrutturazione di uno dei luoghi simbolo dello sport nella Marsica e nella provincia dell’Aquila

“Sono – ha affermato il primo cittadino – 1.223.580,15 gli euro in conto capitale che l’Istituto di credito sportivo, potrà concederci a seguito della nostra domanda, grazie ad uno specifico protocollo d’intesa tra Anci (Associazione nazionale comuni italiani) e ICS.

Appena l’istituto di credito sportivo accetterà la richiesta, entro il prossimo 31 dicembre, potremo “accendere” il mutuo che ci aprirà l’occasione di realizzare il progetto. Con questo intervento, la pista di atletica leggera passerà da 6 a 8 corsie con un nuovo manto di copertura. Lavori anche su parte delle due tribune che insieme alla pista saranno finalmente omologate e adatte ad ospitare manifestazioni di livello nazionale ed internazionale. Ricordiamo che l’ultima opera realizzata allo Stadio dei Pini risale all’anno 1989, con il contributo dei mondiali del ‘90.

Insieme all’assessore allo sport, Fabrizio Amatilli e al consigliere Ignazio Iucci abbiamo lavorato affinché arrivassimo a questo momento importante per la città, pensando anche si possa inserire nella Cittadella dello sport, a proposito della quale abbiamo già chiesto e ottenuto 340mila euro dal CONI per i progetti relativi al velodromo e alla palestra di arti marziali.

Un particolare ringraziamento alla delegata al turismo e agli impianti sportivi del Comune di Avezzano, nonché presidente regionale della FIDAL, Concetta Balsorio, che con la sua determinate collaborazione ha contribuito affinché trovassimo la soluzione migliore”.




Lascia un commento