LFoundry, ipotesi di accordo formulata dalla RSU, assistita dalle OO.SS. provinciali, si attende la risposta dell’Azienda



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – L’incontro fra rappresentanze sindacali e azienda si è protratto per tutta la giornata di ieri per concludersi con una proposta formulata dalla RSU di Stabilimento, assistita dalle Organizzazioni Sindacali Provinciali di FIM, FIOM, UILM e FAILMS.

I punti salienti dell’ipotesi di accordo riguardano la turnazione, articolata in 1 giorno + 1 notte + 3 riposi compensativi + 15 rientri. Ipotesi che il sindacato chiede sia estesa a tutto il personale la cui prestazione è già prevista nei turni avvicendati nei settori della produzione, ingegneria e nelle funzioni tecniche di supporto.

L’azienda si impegnerebbe, in virtu’ dei principi ispiratori dell’accordo sulla formazione continua, a eliminare le eccezioni riconducendole al turno prevalente. Relativamente ai 2 rientri aggiuntivi, rispetto ai 13 annuali previsti, il sindacato propone che, se effettivamente lavorati, siano retribuiti con un ulteriore 30% in più, da aggiungere alle maggiorazioni già acquisite sul notturno festivo e sull’extra-time

Si propone inoltre, la costituzione di una commissione di verifica dell’attuazione dell’accordo, composta da Direzione Aziendale e RSU. La commissione si dovrebbe riunire periodicamente, almeno una volta l’anno, o su richiesta delle parti, per monitorare lo stato dell’arte su eventuali riorganizzazioni individuali e/o collettive delle rotazioni, degli switch e gestione delle ferie sui rientri.

Il sindacato chiede alla direzione aziendale di rendersi disponibile a valutare positivamente le richieste, anche numerose, di eventuali part-time che dovessero pervenire, anche in deroga al tetto delle aliquote previste contrattualmente.