Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » LFoundry chiude l’esercizio 2019 con oltre 8 milioni e mezzo di perdite, i soci coprono il buco con le riserve. La Fim-Cisl parla di ultima spiaggia

LFoundry chiude l’esercizio 2019 con oltre 8 milioni e mezzo di perdite, i soci coprono il buco con le riserve. La Fim-Cisl parla di ultima spiaggia

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Concetta Di Genova
Concetta Di Genova
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Gentile
Antonio Gentile
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Barile
Mario Barile
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Emilio Martorelli
Emilio Martorelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio

Avezzano – Per la Fim-Cisl la settimana trascorsa è stata davvero surreale.  «Le attese di tutti, sul futuro della LFoundry, sono andate ancora una volta deluse. L’Amministratore Delegato, Marcello D’Antiochia, anziché presentare un piano industriale di prospettiva e di sviluppo del sito, si è nuovamente limitato a fare l’elenco delle cose che non vanno.» Queste le parole di Antonello Tangredi.

Per il sindacato l’emergenza sanitaria, economica e sociale che investe il Paese impone un’inversione di rotta senza precedenti.  «Una fabbrica con la “F” maiuscola, non può farsi trovare ancora impreparata e piena di annosi problemi. La fabbrica ha bisogno di rimanere “VIVA”, di essere condotta da un esperto timoniere e non da uno skipper da regata.  Ogni sua competenza deve essere valorizzata e non mortificata con continui annunci  di esuberi.»

La Fim-Cisl rimprovera all’Amministratore Delegato la riproposizione del solito refrain sulle Fab performance basse, sui tantissimi errori nella linea di produzione, sulle macchine che stanno troppo tempo ferme, sui ritardi nelle consegne, sull’incertezza del futuro a causa del calo del 25% degli ordini per i prossimi sei mesi, con le colpe attribuite sempre alle maestranze.

«Abbiamo appreso di essere stati chiamati a fare l’azienda e invitati a trovare soluzioni geniali, possibilmente a costo zero.» Queste le amare considerazioni del sindacato che ritiene tutto ciò solo l’ennesimo palliativo che non risolverà i problemi del sito, a suo dire, minato seriamente sotto il profilo industriale e occupazionale.

«L’Amministratore Delegato si assuma la responsabilità della grave situazione in cui versa lo stabilimento e si sieda con le OO. SS. per discutere e affrontare seriamente le tante problematiche che attanagliano il sito di Avezzano. La politica degli Yes Man che lui ha imposto ai supervisori, non può essere chiesta e applicata su un tavolo sindacale.» Con queste parole la FIM-CISL  invita formalmente l’A.D. Marcello D’Antiochia a rivedere la sua posizione unilaterale.

La FIM-CISL, dopo averlo comunicato formalmente negli ultimi incontri, propone nuovamente un cambio turno per tutti i dipendenti addetti alla produzione, chiede lo smartworking dove possibile, chiede sicurezza, formazione e ricambio generazionale, senza ulteriori deroghe temporali.

«Alla luce della pubblicazione del disastroso bilancio 2019 che mette in evidenza tutte le carenze di un’accozzaglia di interessi di soggetti senza scrupoli che hanno affondato definitivamente, negli ultimi anni questa fabbrica, riteniamo seriamente che l’azienda sia a rischio di chiusura, se non s’interviene subito e con competenza.» Questa la chiosa del comunicato sindacale.

 

TerreMarsicane, a tal proposito, ha esaminato il bilancio per raccontare ai propri lettori la situazione economica finanziaria della più grande azienda della provincia, provando a superare i tecnicismi per i non addetti ai lavori. Va precisato che il bilancio di qualsiasi società riporta lo Stato Patrimoniale che misura la qualità e le dimensioni del patrimonio dell’azienda,  il Conto Economico che invece racconta com’è andata l’attività durante l’anno, e la Nota Integrativa che invece illustra e chiarisce dettagliatamente la natura dei dati espressi nel bilancio.

Il primo elemento che balza agli occhi guardando il Conto Economico è la differenza fra il valore della produzione e il costo sostenuto dall’azienda per realizzare quella produzione. Nel corso del 2019 LFoundry ha speso 176 milioni di euro per ricavarne 170. In pratica ha perso soldi, però meno di quanti ne aveva persi l’anno precedente, dove la differenza fra costi e ricavi era stata negativa per oltre 12 milioni di euro.

La perdita si manifesta in un contesto nel quale al calo della produzione segue anche il calo dei costi, si tratterebbe quindi, di un generale rallentamento dell’attività, che da un lato, vede aumentare la liquidità di cassa e diminuire il magazzino, soprattutto dei prodotti finiti, oltre la diminuzione dei crediti commerciali. Dall’altro, tutto ciò, non si traduce in investimenti produttivi, altrimenti non si spiegherebbe l’aumento della liquidità.

Gli unici investimenti effettuati nel 2019 sono relativi a 1 milione di euro per il nuovo software, che va ad aggiungersi ai 2,7 già appostati nel 2018 e 5,2 milioni per l’impianto di cogenerazione. Per quanto riguarda la consistenza patrimoniale, fra capitale sociale, riserve di varia natura e utili portati a nuovo, al netto della perdita d’esercizio, viene fuori un valore di poco più di 10 milioni di euro.

Se paragonato ai 20 milioni di esposizione sul Tfr e ai 47 milioni di debiti verso i soci, stiamo parlando di un rapporto di quasi uno a sette. Un’evidente sottocapitalizzazione, facilmente risolvibile se soltanto i soci credessero di più nella loro azienda. Basterebbe trasformare i 47 milioni residui di prestito, in aumento di capitale. Forse il sindacato chiederà proprio questo all’azienda.

LEGGI ANCHE

Tribunale-Avezzano
Ecobonus: dal 3 giugno 2024 ripartono le prenotazioni per i contributi all'acquisto di veicoli non inquinanti
portavoce Unicef ad avezzano
Emergenza gattini, le volontarie marsicane: "Siamo al collasso"
Il Comune di Luco dei Marsi aderisce alla campagna Unicef "Diritti in Comune": sostenibilità ambientale e impatto sui bambini
coro giovanile avezzanese 'Musicomania
Ottimi risultati nel weekend per gli atleti dell'Asd Il Salice impegnati in due diverse gare
ASL Aquilana
WhatsApp Image 2024-05-26 at 20.35
Il viceministro Edmondo Cirielli visita Gioia dei Marsi, borgo che ha dato i natali alla sua bisnonna: soddisfazione per il sindaco Alfonsi
Castellafiume in festa: gli studenti diventano voci della Costituzione nel Progetto "La Costituzione per le vie del mio Paese"
ragazzi suonano chitarra
Giuseppe Testa di San Vincenzo Valle Roveto, Partigiano e Medaglia d'Oro al V.M.
INAUGURAZIONE PANCHINA GIGANTE PATERNO
erasmus_1 (2)
Più di 300 studenti e studentesse a Pescasseroli, nel Parco, per celebrare la biodiversità e ricordare l'orsa Amarena
spaccio-1
Frecce Tricolori sorvolano L'Aquila: omaggio al copilota del 118 deceduto e alla città
2024_05_26_presentazione Noi per Capistrello 2
Valeriano Fidanza
1346754772601
Successo per il Memorial Gian Mauro Frabotta, evento go-kart in ricordo di uno degli Angeli del Velino
tart
Due spettacoli “green” al Festival per l'Ambiente  Città di Avezzano 

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Concetta Di Genova
Concetta Di Genova
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Gentile
Antonio Gentile
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Barile
Mario Barile
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Emilio Martorelli
Emilio Martorelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina