Le slot machine, una storia infinita



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Le origini

Difficilmente Charles August Frey avrebbe potuto immaginare, nel lontano 1891, che la sua invenzione avrebbe rivoluzionato il mondo dei giochi, in special modo quelli d’azzardo. Non appena l’inventore nordamericano ebbe l’idea della prima slot machine a scorrimento automatico corse subito a patentarla. In realtà un prototipo di questo stesso strumento era stato già presentato in Germania qualche anno prima, ma l’idea che abbiamo oggi della slot machine è stata concretizzata proprio da Frey, che in un primo momento la battezzò “Operator Bell”. In origine il gioco aveva 5 rulli per un totale di 50 simboli di gioco, si trovava in molti bar e prevedeva il pagamento di un nichelino per giocare tirando la famosa leva. I pagamenti venivano effettuati alla cassa del bar e le vincite non erano in denaro bensì in beni come bevande o sigari, prima che qualche anno dopo venissero introdotti i pagamenti in moneta contante.

Le slot come le conosciamo oggi

Il concetto moderno di slot machine, dunque, è molto simile a quello originario, quando tuttavia venivano usate solamente le carte da gioco francesi e non i tanti simboli che si possono trovare oggi nei casinò o nei locali dove esistono slot machine. Tuttavia, la febbre per questo gioco così semplice ma al contempo così coinvolgente si è diffusa a macchia d’olio negli ultimi tempi dopo l’esplosione delle tantissime app che riproducono fedelmente tutte le dinamiche dei giochi da casinò. In questo contesto si inseriscono le slot di William Hill, che si rifanno comunque al mito della prima di queste macchine create oltre un secolo fa. La storia delle slot machine è dunque infinita, dato che il suo prestigio e la sua fama si continuano a protrarre secolo dopo secolo. Anche nei casinò fisici, infatti, nonostante esistano possibilità di gioco come il poker, il blackjack o la roulette, sono ancora in tanti a dilettarsi davanti a queste macchine dai colori sgargianti e dalla velocità di gioco impressionante. Il vantaggio di questo strumento ludico è sicuramente quello di essere un gioco piuttosto semplice al quale chiunque può partecipare.

Nuove funzioni che si rifanno alla tradizione

Nell’epoca moderna del gioco d’azzardo, dove le nuove possibilità di giocarci a livello virtuale hanno creato un mercato tutto nuovo nel quale il casinò è cambiato rispetto a prima, le slot resistono al primo posto anche grazie all’ultima evoluzione datata 1966. In quell’anno, infatti, l’uscita di “Reel ‘Em” aprì il mercato alla prima slot con un turno bonus in un secondo schermo, che si attivava non appena ottenuto il bonus relativo, che poteva dar via a una concatenazione di bonus, ora il principale incentivo per i nuovi giocatori di queste app. Già responsabili del 70% delle entrate dei casinò fisici, le slot hanno dunque iniziato a occupare un ruolo centrale nella creazione dei casinò virtuali, che oggi rappresentano una delle app più scaricate da chi intende divertirsi in questo modo.

La leggenda delle slot machine sembra non avere limiti o confini e a confermarlo è il loro successo, che non sembra risentire del passare del tempo.