Le ASL potranno avvalersi delle Case di Cura private accreditate per assistere i pazienti Covid

Abruzzo – Il Presidente Marsilio ha emanato una nuova ordinanza, la n. 100/2020, con la quale dispone di fornire alle AA.SS.LL. ulteriori strumenti per ridurre l’attuale pressione sui rispettivi Presidi Ospedalieri Pubblici implementando il coinvolgimento delle Case di Cura Private accreditate della Regione Abruzzo.

Le AA.SS.LL., dunque, sono autorizzate, ove necessario, a decongestionare i nosocomi pubblici di rispettiva afferenza, ad avvalersi delle Case di cura private accreditate della Regione Abruzzo, per l’assistenza ai pazienti Covid-19 necessitanti di ospedalizzazione ma non bisognevoli di terapia intensiva e subintensiva, utilizzando anche i posti autorizzati senza vincolo della relativa disciplina, purché vengano garantite le risorse organizzative e strumentali necessarie all’appropriata assistenza dei pazienti Covid.

Nel dispositivo presidenziale, inoltre, si chiarisce che la presa in carico dei suddetti pazienti, da parte delle Strutture accreditate in discorso, dovrà essere convenuta dalle AASSLL, in raccordo con il Referente
Sanitario regionale per le Emergenze (RSR). Al RSR è demandato, d’intesa con le Direzione Sanitarie aziendali, il coordinamento e il monitoraggio delle attività poste in essere nonché la definizione delle modalità di acquisizione dei dati di attività Covid-19.