L’avvocato Roberto Verdecchia lancia un’idea innovativa per il turismo ecosostenibile per Avezzano e zone limitrofe



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

AvvezzanoL’Avvocato Roberto Verdecchia ex Consigliere Comunale per due legislature ed assessore all’ambiente, verde, suap e polizia locale, lancia un’idea innovativa per il turismo ecosostenibile per Avezzano. 

“Da oltre vent’anni la mia più grande passione è la natura e in particolar modo le nostre montagne -commenta il candidato della lista “I riformisti per AZ” con Giovanni Di Pangrazio Sindaco-. Conoscendo appunto le nostre risorse vorrei rilanciarle rendendole attive sia per migliorare la qualità della vita degli Avezzanesi ma anche per creare una risorsa attrattiva e quindi compatibilmente economica”.

Il progetto- continua il legale – è quello di collegare i tre monti di Avezzano: Monte Cervaro (San Pelino-Paterno, Chiesa di Sant’Onofrio – Madonna del Rosario), alla Riserva naturale del Salviano  (Chiesetta degli Alpini di Cappelle – Cese, Monte San Felice, Monte Cimarani, Santuario della Pietracquaria– (dove purtroppo l’ultimo intervento attivo di ristrutturazione e mantenimento fu fatto da Di Pangrazio, De Angelis non ha attuato alcun lavoro utile per il mantenimento), per lambire e raggiungere Colle Croce ovvero la Chiesa della Cunicella in tenimento di Luco dei Marsi e per far visita ai Cunicoli di Claudio in località borgo incile,  bene storico rappresentativo dell’opera ingegneristica romana di alta esemplarità a livello nazionale, ad interesse archeologico e speleologico e tutelato da una zona parco inaugurato da oltre 53 anni.   

Il progetto prevede la percorribilità sia a piedi, a cavallo che in bike, creando così un vero e proprio anello di collegamento tra le frazioni e il centro città, senza però interferire con il traffico urbano, evitando rischi di incidenti, con traffico totalmente  decongestionato e con visita finale ad un’opera di interesse storico a livello nazionale. L’idea è quella di creare appunto, attrattive turistiche con percorsi completamente green, immersi nel silenzio della natura, circondati soltanto da panorami unici  ed  irripetibili, progetto volto anche a sensibilizzare i cittadini per il rispetto della natura. 

“Credo fermamente che per far rispettare la natura a tutti dobbiamo in primis farla conoscere a chiunque mostri un interesse sensibile e questo credo che sia uno dei tanti modi in cui lo si può fare.”

Avezzano al centro di un progetto ambizioso e senza precedenti sull’ambiente, che porterebbe il capoluogo Marsicano ad essere un modello di sviluppo delle proprie risorse, partendo proprio dall’identità che il territorio offre ma molte volte viene poco apprezzato e soprattutto non valorizzato minimamente. 

“Chiunque sarà eletto dovrà farsi carico di tale piacevole incombente, – Continua Roberto Verdecchia-v isto che l’ambiente è una priorità di tutti i cittadini, anche in relazione alle lotte sostenute negli ultimi quindici anni che hanno visto respingere al mittente inopportune e non consone “invasioni industriali”, come per esempio il raddoppio della ex Maicron T.  con l’insediamento delle sedici torce al plasma opportunamente bocciato all’unanimità nella consigliatura Floris 2 e l’insediamento del termovalorizzatore denominato Powercrop, dei tentati scempi che avrebbero leso soltanto benessere e salute dei cittadini favorendo l’arricchimento economico di alcune lobby. Su tale situazione- conclude l’avvocato- sarò intransigente per la tutela dell’ambiente e dei miei concittadini.”