L’Avezzano passa a Cesena ma poi si fa rimontare. 3 a 1 al Manuzzi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Non è mai facile giocare a Cesena, su un campo complicatissimo come il Manuzzi e contro giocatori abituati a categorie superiori. Se lo fai anche senza pedine importanti come Padovani e Bisegna, out per infortunio, e senza il giovane talento D’Eramo, appena ceduto allo Spezia, in Serie B, allora diventa complicatissimo.

Nel giorno dell’Epifania, mister Giampaolo si affida dunque ad un reparto offensivo molto rivisitato, titolari Dosa e De Roccis, per provare a far male ai romagnoli. Nonostante le differenze sulla carta, i marsicani giocano un buon match, nei primi venti minuti passano in vantaggio e hanno anche l’occasione per raddoppiare. L’undici biancoverde, poi, subisce i padroni di casa che prima pareggiano e dopo mettono in cassaforte la gara.

Inizia, dunque, col piede sbagliato il girone di ritorno del club di via Ferrara che vede complicarsi la missione salvezza; dopo la 20°giornata l’Avezzano rimane nella zona rossa della classifica, al 17° posto con 18 punti.

LA PARTITA

La prima occasione della partita è dei padroni di casa che colpiscono la traversa con un colpo di testa di Noce al 6’.
Dopo quattro minuti però, sono I lupi marsicani ad andare in vantaggio e a far sognare i tifosi accorsi dall’Abruzzo. Su un cross di Besana, che taglia tutta l’area, Manari controlla male ma da due passi riesce comunque a insaccare. 0 a 1.
Al 17’ occasione ghiotta per i biancoverdi, Kras da posizione ravvicinata calcia sul portiere bianconero e si divora un gol facile. L’Avezzano sfiora dunque il raddoppio, Agliardi salva i suoi.
Al 43’ arriva il pareggio, Ricciardo raccoglie un cross, controllo fantastico e conclusione potente che entra in rete. 1 a 1.
Al 45’ ingenuità di Besana che mette giù un avversario in area, il direttore di gara decreta il calcio di rigore. Dagli 11 metri va Alessandro che non sbaglia. Il Cesena torna negli spogliatoi sul 2 a 1.

Nulla da annotare nei primi venti minuti di ripresa se non un ottimo intervento di Fanti su un destro di Alessandro. Al 69’ la prima emozione con il gol del definitivo 3 a 1. Alessandro porta a due il suo bottino personale approfittando  di un rimpallo in area che lo mette tutto solo davanti al portiere.
Provano a reagire I ragazzi di Giampaolo, all’81’ Manari ha un’occasione su calcio piazzato ma calcia alto.

Finisce così il match, il Cesena consolida il suo primato in campionato e l’Avezzano sprofonda nelle sabbie mobili di bassa classifica. Bisogna reagire già dal prossimo appuntamento, in casa, col Montegiorgio.




Lascia un commento