L’associazione marsicana “I Girasoli” a Montecitorio per aiutare le donne che si ammalano di tumore al seno



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Roma. Non si arresta la corsa dell’Associazione di Promozione Sociale “I Girasoli” alla lotta contro i tumori al seno delle donne.

Tra le 100 volontarie delle diverse associazioni d’Italia presenti ieri, 29 maggio, alla Camera dei Deputati a Roma, c’era anche l’associazione marsicana, unica a rappresentare l’intera regione Abruzzo. Durante l’evento, le 100 associazioni iscritte ad Europa Donna, promotore della manifestazione e network voluto più di 20 anni fa da Umberto Veronesi, hanno incontrato la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, per discutere della necessità di istituire in ogni regione delle Breast Unit, centri di senologia multidisciplinari specializzati nella diagnosi, nella cura e nella riabilitazione psicofisica delle donne colpite dal cancro al seno.

Attualmente solo 9 regioni e la Provincia autonoma di Bolzano hanno deliberato la creazione di questi centri, senza però completare l’iter richiesto.  Benedetta Cerasani, Presidente dell’associazione marsicana, nel corso della manifestazione, ha esposto il progetto de “I Girasoli” e l’interpellanza avanzata alla regione Abruzzo per l’ attivazione del ticket sanitario per i soggetti geneticamente mutati ai geni brca1e brca2. Inoltre, alla presenza dell’onorevole Paola Binetti, la Presidente ha raccontato di come l’associazione, presente attivamente sul territorio marsicano, abbia con la propria attività,  aiutato 3 donne malate a non perdere il posto di lavoro a rischio.



Lascia un commento