L’Aquila, Asl apre ambulatorio di neuropsicologia per l’inquadramento clinico di deficit cognitivi



 Nuovo servizio attivato all’Aquila dalla Asl per garantire valutazioni neuro cognitive riguardanti pazienti con lesioni cerebrali congenite, acquisite o affetti da demenze. 

La prestazione viene assicurata dall’ambulatorio di neuropsicologia, entrato in funzione il 20 gennaio scorso, ubicato a Collemaggio. 

L’ambulatorio di neuropsicologia, di cui è responsabile la prof.ssa Irene Ciancarelli, affiancata dalla neuropsicologa dr.ssa Maura Gabrielli, fa capo all’Unità operativa di Riabilitazione Territoriale diretta dal dr. Antonello Bernardi.

L’attività del nuovo ambulatorio, in sostanza, riguarda l’inquadramento e la diagnosi di deficit cognitivi dovuti a lesioni cerebrali presenti sin dalla nascita o causate da eventi come ictus ed emorragie cerebrali e, inoltre, di traumi cranici e di tumori, malattie neurodegenerative (demenze e Parkinson), sclerosi multipla e postumi di interventi chirurgici.  L’ambulatorio, in questa fase inziale, sarà aperto una volta a settimana, il giovedì. Per usufruire delle prestazioni è necessario effettuare la prenotazione al Cup tramite prescrizione del medico di famiglia. 

Le valutazioni neuro cognitive permettono l’inquadramento clinico dei pazienti con problematiche cognitive e di coloro che hanno bisogno di riabilitazione cognitiva e logopedica (problematiche del linguaggio) al fine di attuare, se necessario, interventi per il recupero delle funzioni compromesse e il miglioramento delle abilità residue.

“Il nuovo ambulatorio”, afferma la prof.ssa Ciancarelli, “completerà l’attività di assistenza che viene già svolta dall’unità operativa di Riabilitazione Territoriale, in modo da offrire ai pazienti un percorso neuro riabilitativo sempre più completo e funzionale”.



Leggi anche