La sindaca Sara Cicchinelli assolta dall’accusa di abuso d’ufficio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Civita D’Antino – La sindaca di Civita D’Antino, Sara Cicchinelli, è stata assolta, insieme ad altre 8 persone, dall’accusa di abuso d’ufficio.

Il tribunale di Avezzano, in composizione collegiale, ha pronunciato ieri la sentenza. La Cicchinelli era finita a processo, nel gennaio 2017, insieme ad assessori, tecnici comunali ed imprenditori, con l’accusa di aver favorito l’apertura di un ristorante, situato sulla strada statale 690 Avezzano-Sora, senza le dovute condizioni per il rilascio della licenza.

I fatti risalgono al 2012 quando iniziarono le indagini per la sindaca e assessori accusati di favoreggiamento nei confronti del titolare dell’attività commerciale. Furono indagati anche quattro dipendenti comunali per il rilascio dei certificati di agibilità.

La Cicchinelli, da sempre tranquilla del proprio operato e di quello dei dipendenti comunali, esprime soddisfazione per l’attività svolta della Procura della Repubblica di Avezzano.

Nel collegio difensivo gli avvocati Stefano Guanciale, Franco Colucci, Paolo Novella, Leonardo Casciere, Carlo Ricci, Biagio Maceroni, Maurizio Colaiacovo e Elisa Mattei.