Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Collarmele – Con l’arrivo del parere favorevole della Sovrintendenza, possiamo ufficializzare la partenza, a stretto giro, di alcuni frammenti delle maioliche della Chiesa di Madonna delle...
Castello baronale dei Colonna
Il sistema fiscale delle imposte nella Marsica vicereale dopo la peste del 1656
Lo studioso Ugo Speranza pubblicò alcuni rogiti del notaio Domenico Bucci (1658)  nei quali possiamo riscontrare la numerazione dei «fuochi» delle università di Avezzano, Collelongo, Trasacco, Luco...
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Marsica – Sullo storico Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria, Annate CXII-CXIII (2021-2022), pubblicato a L’Aquila, alle pagine 269 e 270 il prof. Alessio Rotellini descrive...
fulv
Aspetti della giurisdizione delegata nella Marsica durante il viceregno spagnolo e austriaco
Non è facile svolgere un’analisi sistematica e comparata che possa aiutarci ad arricchire e precisare il giudizio, a volte ancora troppo generico, sul dominio dei Colonna nel territorio marsicano durante...
Grotta di Sant'Agata
La grotta di Sant'Agata
Una grossa cavità naturale posta sul versante acclive della Serra di Celano grotta di Sant’Agata Sopra la parte sommitale della rocca della Turris Caelani, sotto una grande sporgenza rocciosa...
bcvff
Luigi Colantoni (1843-1925), canonico, vicario capitolare e ispettore ai monumenti
Questo articolo su Luigi Colantoni segue quello interessante dell’amico Fiorenzo Amiconi apparso su Terre Marsicane lo scorso 24 dicembre 2019 e vuole essere una integrazione ed un completamento di quanto...
I banditi Marco Sciarra e Alfonso Piccolomini
Banditismo e rivolte nel territorio marsicano (1587-1592)
Il 19 aprile 1587 la popolazione di Colli di Montebove (allora solo Colli) chiese aiuto al vescovo dei Marsi perché tormentata lungamente da un gruppo di feroci banditi. A sua volta, il presule, diresse...
Santa Maria degli Angeli alle Croci Napoli  - anno 1580 -
Nicola Corsibono, nato nel 1848 a Napoli visse e dipinse a Tagliacozzo
Nasce in località San Carlo all’Arena (Napoli) alle ore venti del 3 ottobre del 1848 in quell’epoca l’intera regione si chiamava ancora “Regno delle due Sicilie”. Fu battezzato nella splendida chiesa barocca...
Cerca
Close this search box.

La sede che non c’è: gli studenti di Giurisprudenza di Avezzano insorgono

I ragazzi della Facoltà di Giurisprudenza vogliono strappare una promessa al rettore di Teramo
Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio

Avezzano – Una lettera carica di storture per l’anno che verrà. Così i ragazzi della Facoltà di Giurisprudenza, distaccamento di Avezzano, scelgono di inaugurare il 2016. Vogliono strappare una promessa al rettore di Teramo, Luciano D’Amico. Chiedono un’Università a misura di studente, dotata di tutti i servizi che, assurdamente, pagano di tasca propria oramai da anni.

Il 2016, ad Avezzano, è incominciato con l’acre odore di una tempesta di fuoco. Gli studenti della Facoltà di Giurisprudenza della città marsicana, la Peter Pan universitaria della sede che non c’è, chiedono, in una lettera indirizzata al magnifico Rettore dell’Università di Teramo, Luciano D’Amico, che il versamento delle rate universitarie successive alla prima – già pagata – sia soppresso fino a quando la situazione generale non venga riportata entro i normali limiti di decoro. Si definisce Odissea quel lungo cammino mai privo d’intoppi che, nottate insonni dopo nottate insonni, conduce, quantomeno, ad un sogno intinto nel latte del buonsenso. Ma non tutte le notti portano consiglio e non tutte le mattine hanno l’oro in bocca. A pochi passi di distanza dallo scoccare del nuovo anno, i numerosi (e arrabbiati) studenti di Giurisprudenza della sede di Avezzano – distaccamento della casa di Ateneo ‘maggiore’ di quel di Teramo, indirizzano una lettera a firma congiunta e collettiva – una specie di black list delle cose che non vanno – al magnifico Rettore teramano, per far sì che egli vi ponga rimedio.

Una serie di spiacevoli ‘incidenti’, verificatesi nella Sede di Avezzano della Facoltà di Giurisprudenza, ha spinto coloro che più ne usufruiscono quotidianamente, ossia gli studenti di Legge stessi, a cercare l’ago nel pagliaio delle maniere cortesi e pulite di fare protesta. «Da anni oramai –  si legge nella missiva – la nostra Sede è alla smaniosa ricerca di una sede; da quando è stata dichiarata inagibile la struttura di Via Napoli, noi  – affermano gli studenti – abbiamo affrontato un disperato cammino che ci ha portato ad essere sbalzati dapprima al Castello Orsini, dove non avevamo a disposizione nemmeno i banchi su cui scrivere, e, dappoi, all’Aula Magna dell’ex sede di Via Napoli, la quale – a quel che si dice – non è inagibile, ma solamente sprovvista dei servizi igienico-sanitari essenziali». Un’odissea moderna in piena regola, quindi, che ha, spesse volte, costretto i ragazzi a sostenere gli esami all’antipode, presso le aule messe a disposizione dal Liceo Socio-Psicopedagogico avezzanese.

Eppure, anche le storie più complicate, alla fine, riscoprono il famoso bandolo della matassa, che tutto origina e tutto conclude. Nel mondo dei giureconsulti e dei futuri mediatori civili affamati del sociale, gli avvocati, dopo varie tribolazioni, sembrava fosse stato trovato, infine, uno spiraglio di stabilità nella sede di Via Pertini, una struttura praticamente condivisa, almeno nei corridoi, con le studentesse di un corso professionale per acconciatrici ed estetiste e i ragazzi diversamente abili dell’Associazione ‘Help Handicap’ di Avezzano. «Sebbene facente parte di un panorama disagiato – affermano gli studenti – sebbene le lezioni siano state più volte interrotte da destabilizzanti interventi dei ragazzi dell’Associazione stessa, sebbene il costante rumore di phon, l’odore acre di cosmetici o la presenza stessa di lavabi in classe abbiano reso quantomeno imbarazzante studiare le discipline giuridiche in quel luogo, noi studenti abbiamo bonariamente accettato tutto questo, pur di continuare ad esercitare il nostro diritto allo studio». Eppure, per poter dire effettivamente ‘Epopea’, leggenda vuole che occorrano ancora tanti anni di duro cammino e peregrinazioni nella Marsica nostrana del diritto allo studio esercitato per aria per far sì che essa funzioni realmente. Tra il mese di gennaio e il mese di marzo 2016, infatti, gli studenti cambieranno nuovamente sede. Verranno trasferiti, questa volta, presso quattro aule libere del Liceo Classico Torlonia.
«La segreteria dell’Università, invece, – dicono gli studenti – verrà spostata, probabilmente, in alcuni uffici liberi del Palazzo Comunale». A ciò, si aggiunga, poi, una cornice di servizi universitari che, a quanto detto dagli studenti stessi, sfiora la comicità di una barzelletta trita e ritrita. «Il servizio mensa  – si legge nella lettera – viene attivato sistematicamente solo alcuni mesi dopo l’inizio effettivo delle lezioni e collocato in strutture praticamente irraggiungibili a piedi. La sede, poi, non è servita da mezzi pubblici in modo regolare, con risultati imbarazzanti non solo per gli studenti, ma anche per i docenti stessi che, talvolta, sono stati costretti a chiedere uno ‘strappo’ ai ragazzi dell’Università. Nell’unica aula studio disponibile, inoltre, la scarsità di prese elettriche ne rende quasi impossibile l’utilizzo; senza contare che, gli stessi servizi igienici, sono insufficienti e condivisi tra tutti».
A fronte di questo uragano di pizzichi di realtà grossolana e quasi abbandonata a sé stessa, qual è stata la risposta dall’alto? «Solo una – spiegano i ragazzi – ossia che la gestione dei servizi per la sede di Avezzano è rimessa all’Amministrazione Comunale della città. È il Comune di Avezzano, di fatti, a sostenere tutte le spese per la nostra sede: paga l’affitto degli stabili, le bollette, il personale di servizio, gli usceri, il servizio mensa e addirittura il rimborso per la trasferta dei professori per la tratta Teramo-Avezzano-Teramo. Tutto questo comporta, ovviamente, un grande esborso a carico dell’ente locale: parliamo di diverse centinaia di migliaia di euro».

In questa triste storia, però, l’Università di Teramo, dal canto suo, continua sistematicamente ad emettere il bussolotto delle tasse universitarie in maniera quasi automatica. «Le tasse che noi versiamo regolarmente, – affermano i ragazzi – sembrano, inoltre, aumentare in modo inversamente proporzionale alla qualità della nostra propria esperienza universitaria. Quasi a contrappasso, invece, assistiamo alla crescita dell’Ateneo di Teramo nel prestigio; si spende e spande per i teramani, fino a giungere, talvolta, a veri e propri beni accessori, come i recenti tablet. Inoltre, alla ‘Tassa Universitaria’ e alla ‘Tassa ADSU’, troviamo affiancati gli importi delle iscrizioni al CUS ed al CUT, Centri dei quali, la maggior parte dei nostri studenti, ignorava addirittura l’esistenza stessa, pur pagandone, da lustri, l’iscrizione. A ciò si aggiunga, poi, il quasi totale disinteresse di alcuni docenti nei nostri confronti, i quali – spiegano – sotto l’egida della loro posizione e slegati dal controllo della Sede Centrale, spesso e volentieri, valicano il limite del buonsenso, mostrandosi irrispettosi verso la classe. Alla luce di quanto detto, – concludono i ragazzi di Giurisprudenza di Avezzano – confidiamo nel fatto che il Rettore prenda a cuore, finalmente, la nostra situazione. Sarebbe opportuno, ad esempio, adattare il pagamento universitario ai servizi realmente resi». I buoni propositi per l’anno nuovo, quindi, si riassumono in un solo assunto, che si specchia nello specchio della vita universitaria vissuta senza pensieri che esulino dal normale percorso di crescita personale. Problemi di studio sì, ma di mattoni no.

PROMO BOX

io ci provo
odissea 6
Santuario di Pietraquaria per la chiusura del mese mariano, appuntamento il 31 Maggio
Attività del Soccorso Alpino e Speleologico 2023: 12.365 persone soccorse, di cui oltre 7.622 feriti e 491 persone decedute
Giornata mondiale della Terra, il 21 Aprile passeggiata ecologica Plastic Free a Capistrello
La neve è tornata: imbiancata Forca d'Acero
parcheggio su Via Massimiliano Kolbe a Borgo Pineta
Rinvenuto ordigno inesploso a Luco dei Marsi
Il relatore Dott. Ivano De Santis con gli allievi del Liceo “B. Croce” di Avezzano
cv
sport
Pesca abusiva sulla costa abruzzese, la GdF sequestra oltre 3000 metri di reti poste in zone vietate
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Lotta alle liste d'attesa in Sanità, Verì: "Potenziare la diagnostica per immagini"
arresto crabinieri
maltrattamenti
Castello baronale dei Colonna
imm
Ufficio postale di Collelongo chiuso per lavori: il Comune attiva il servizio navetta gratuito per i cittadini non motorizzati
Francesca Carolli premiata in Comune ad Avezzano, Simonelli: "Contento del successo delle Giornate dei Giovani Meritevoli
In memoria degli Angeli del Velino: gli studenti del Liceo "Croce" sul Salviano per conoscere pratiche di sicurezza in montagna
Cuccioli di capriolo, cervo o daino tra la vegetazione: "Non vanno toccati né nutriti, non sono abbandonati"
Screenshot_2024-04-17-09-35-48-552_com.facebook
FB_IMG_1713338971643

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina