“La nuova comunicazione ambientale”, incontro formativo per giornalisti ambientali



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’Aquila. L’ambiente è democrazia, legalità e libertà: questo è il messaggio più forte emerso dall’evento La nuova comunicazione ambientale che si è tenuto questa mattina a L’Aquila.

L’incontro è stato introdotto da Roberto Mingardi (Rai – Abruzzo) e da Salvatore Santangelo (L’Aquila che Rinasce) che hanno spiegato il senso di questo incontro nell’ambito dei momenti formativi dell’Odg – Abruzzo e dell’intenso calendario di Onda d’innovazione 2017.

Raffaele Sassun (presidente onorario della Fondazione KKL/Italia) – dopo aver sottolineato come l’ambiente rappresenti un orizzonte di pace e prosperità – ha voluto ricordare come l’obiettivo centrale della comunicazione ambientale sia quello di informare i cittadini, promuovendo comportamenti di minor impatto.
L’informazione ambientale serve dunque a creare un’azione consapevole, stili di vita sostenibili. Gli elementi centrali di questo percorso sono l’emozione, la partecipazione, il ricordo, l’appartenenza e l’educazione alla bellezza.
Il capitano Stefano Cazora dell’Arma dei Carabinieri ha ripreso un allarme già sollevato da Mingardi: l’attenzione sulle tematiche ambientali – cresciuta nell’opinione pubblica – diminuisce nei palinsesti e negli spazi comunicativi.

L’esigenza – in questa fase post-ideologica e postpolitica – è dunque quella di riscoprire il valore oggettivo della scienza e dell’approfondimento oltre ogni sensazionalismo.
Rivendicando la centralità del percorso professionale dei giornalisti ambientali sono stati indicati il valore del paesaggio, della proficua interazione tra uomo e ambiente, la centralità della salute.

Nel corso dell’iniziativa è stata presentata #Natura: la rivista che punta a raccontare e ad approfondire l’ambiente nazionale oggetto di tutela. Tra l’altro la legge ha delegato all’Arma dei Carabinieri il ruolo di Educazione ambientale.

Per Patrizio Schiazza (Ambiente e/è Vita) la comunicazione come elemento del processo decisionale e amministrativo, la formazione e l’accesso ai dati della PA.

Diversi gli amministratori locali presenti, tra questi Fernando Gatta (Villalago) e Domenico Di Cesare (Carapelle).




Lascia un commento