La maggioranza regge, ma è tregua armata: al via le consultazioni per il nuovo esecutivo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – La squadra di De Angelis si presenta all’appello “di recupero” e regge l’urto, dopo che la seduta di consiglio andata deserta, martedì scorso, aveva siglato una crisi che pare infinita, tra defenestrazioni – l’ex vice sindaco Emilio Cipollone non l’ha presa proprio bene la sostituzione in corsa per far posto a Lino Cipolloni, Udc, rivendicazioni di seggi in consiglio e mal di pancia da parte dei civici, messi all’angolo dall’adesione del sindaco De Angelis a Forza Italia, prima, e dalle grandi manovre in giunta pro-soccorritori – l’Udc e l’ex civico, oggi salviniano, Leonardo Casciere – poi. Approvati tutti i punti all’ordine del giorno: riconfermata la presidente Iride Cosimati, nei confronti della quale era stata presentata una mozione di sfiducia a firma di dieci consiglieri dell’opposizione; ratificata la variazione di Bilancio, proposta dall’assessore Felicia Mazzocchi, per l’investimento di un milione e 300mila euro. Bene, ma non benissimo: la votazione della mozione finisce 11 a 11, con voto palese; la variazione di bilancio, nei punti contestati dall’opposizione, come le altre presunte irregolarità denunciate dalle opposizioni, approderanno, fanno sapere dalla minoranza, sul tavolo della corte dei conti e forse anche in Procura; i quattro consiglieri della compagine civica hanno chiesto una rappresentanza in giunta, con almeno due esponenti, e l’azzeramento dell’attuale esecutivo. Il sindaco De Angelis ha accolto la richiesta, perciò via a nuove consultazioni. Dal canto suo, il sindaco De Angelis imputa le traversie all’anatra zoppa: “”A seguito del dibattito politico nato dalle vicende che il nostro Comune per la prima volta si è trovato ad affrontare con la cosiddetta ‘Anatra Zoppa’, trovo normale che ci siano state delle insoddisfazioni e anche delle incomprensioni”, ha infatti affermato il Sindaco a  conclusione della seduta, “ora andiamo avanti, oggi siamo di fronte di nuovo a una maggioranza compatta che sicuramente ha voglia di fare e portare avanti lavori per gli Avezzanesi, per la nostra città”.

“A chi ha sollevato polemiche sulla spesa per la sistemazione del campo di Antrosano”, si legge in una nota diffusa dallo staff del Sindaco di Avezzano, “l’assessore ha specificato che il nuovo campo potrà essere fruito da tutte le associazioni sportive della città, molte delle quali a oggi escono fuori, raggiungendo altri paesi limitrofi, per allenarsi. Ne è un esempio la squadra di Paterno, che per gli allenamenti raggiunge Canistro”.

De Angelis continua a fare brutte figure dinanzi alla città attraverso accordi e accordicchi, buoni solo per rimanere attaccato alla poltrona”, è stato il lapidario commento di Giovanni Di Pangrazio, leader della coalizione omonima, “E mentre al Comune continua ad andare in scena il valzer delle poltrone, Avezzano resta al palo, bloccata. A poco più di un mese dal rimpasto fatto per accontentare anche gli ex esponenti della mia coalizione, ha dovuto dichiarare che a giorni farà una nuova giunta. Il risultato poi della mozione di sfiducia, conclusasi 11 a 11, parla da solo. La dottoressa Cosimati avrebbe dovuto prendere atto dell’esito della votazione e, per rispetto istituzionale, dimettersi, così da consentire una nuova votazione per eleggere, con il consenso del maggior numero di consiglieri, un presidente super partes, come dev’essere. Quella che è la sostanza dell’azione di De Angelis è evidente, basta guardare la città. Nessuna reale e incisiva iniziativa è stata assunta riguardo alla questione del tribunale, dell’ospedale avezzanese, dell’occupazione, delle reali criticità che interessano i cittadini. Anche i progetti già avviati, come “Scuole sicure”, sono finiti nel dimenticatoio, sebbene alla realizzazione di altri edifici scolastici, in stato avanzato grazie alla mia amministrazione, mancavano pochi passaggi. E sì che, riguardo alla questione scuole, alcuni degli esponenti dell’attuale governo cittadino fecero persino crociate contro la nostra amministrazione, mentre al contrario l’Italia ci premiava e ci indicava quale modello per l’imponente lavoro svolto riguardo all’edilizia scolastica. L’emblema più rappresentativo dell’amministrazione De Angelis sono stati, se così possiamo chiamarli, i festeggiamenti per la Madonna di Pietraquaria. Per la prima volta la città, nel giorno della festa della sua Patrona, è rimasta spenta, spoglia, senza luci e senza nemmeno l’isola pedonale serale in centro, dove l’unica cosa pervenuta, da parte del sindaco, è stata la sua passerella”.

“Quella andata in scena in consiglio è l’ennesima rappresentazione dell’arroganza di parte di questa amministrazione. Hanno voluto chiedere una votazione palese riguardo alla mozione di sfiducia nei confronti della Cosimati, quando invece tassativamente l’articolo 31 dello statuto prevede la votazione segreta. É di fatto un’amministrazione che tira a campare, e non in grado di fare alcunché per la città”, ha rincarato la dose Roberto Verdecchia, consigliere della Coalizione che in sede di consiglio ha ribattuto, con i colleghi dell’opposizione, punto per punto, argomentando approfonditamente le contestazioni sul piano giuridico, “Chiederemo conto in tutte le sedi, a partire dalla corte dei conti, a tutti gli uffici della giustizia amministrativa competenti, e non esclusa la Procura, in considerazione della costante e reiterata violazione delle regole, che vengono calpestate non solo da chi è chiamato a rispettarle da un punto di vista politico ma anche da chi è tenuto al suo rispetto da un punto di vista tecnico, leggasi segretario generale”.

“Non si amministra un Comune come se fosse un’azienda, dove se un dipendente non ti piace, per qualsiasi motivo, lo licenzi e dove decidi tu per tutti “, ha rimarcato il consigliere della Coalizione Di Pangrazio Gianni Luccitti, “Mi auguro che il Sindaco lo abbia capito, per Avezzano, perché la città non può permettersi ancora di restare così, bloccata”..




Lascia un commento