La linea Roma – Avezzano – Sulmona – Pescara è fra le 57 opere prioritarie dello sblocca cantieri. Se ne occuperà il commissario Vincenzo Macello



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Avezzano – L’introduzione della figura del Commissario Straordinario, nelle intenzioni del legislatore, dovrebbe assicurare una migliore e più efficace interlocuzione con le stazioni appaltanti e le amministrazioni. Si tratta di figure con spiccate professionalità tecnico amministrative che avranno carta bianca sulla governance delle 57 opere programmate col cosiddetto sblocca cantieri.

Tali opere sono state individuate attraverso criteri che fissano, in via prioritaria, alcuni elementi discriminanti quali l’elevato grado di complessità progettuale, la particolare difficoltà esecutiva o attuativa del progetto, la complessità delle procedure amministrative e tecniche, e l’impatto sul tessuto socioeconomico.

Di queste 57 opere, 16 sono Infrastrutture ferroviarie, 14 sono Infrastrutture stradali, 12 Presìdi di pubblica sicurezza, 11 Infrastrutture idriche, 3 infrastrutture portuali, e un’Infrastruttura per trasporto rapido di massa. Circa 83 miliardi complessivi il 44% dei quali destinati al sud Italia.

Nella fase iniziale, il Commissario nominato, assume ogni determinazione necessaria per l’avvio o la prosecuzione dei lavori, anche quelli sospesi. Potrà inoltre rielaborare, ed eventualmente approvare, progetti non ancora appaltati.

Nella fase di esecuzione, i commissari potranno espletare la funzione di stazione appaltante. Potranno operare in deroga alle disposizioni di legge in materia di contratti pubblici, nel rispetto dei principi relativi all’aggiudicazione e all’esecuzione di appalti e concessioni, alla sostenibilità energetica e ambientale, al conflitto di interesse.

Avranno la facoltà di aprire contabilità speciali per le spese di funzionamento e di realizzazione degli interventi, nel caso svolgano le funzioni di stazione appaltante, e potranno eventualmente nominare un sub-commissario.

La linea Roma – Avezzano – Sulmona – Pescara è inserita fra le 57 opere prioritarie. Il Commissario nominato da Draghi per l’opera, è Vincenzo Macello, responsabile investimenti di RFI. Le infrastrutture ferroviarie, in questa prima fase, fanno la parte del leone con i 60,8 miliardi destinati al settore. Poi c’è la viabilità con 10,9 miliardi, e la linea C della metropolitana di Roma con 5,9 miliardi.

2,8 miliardi vanno alle infrastrutture idriche, prevalentemente in Sicilia e Sardegna mentre 1,7 miliardi sono destinati ai porti di Genova, Livorno e Palermo. Una stima elaborata da ANAS e RFI calcola che nei prossimi 10 anni verrà innescato un processo di occupazione diretta e indiretta di 68.400 unità medie annue.