La letteratura al tempo del 3.0: l’immaginazione si coltiva sin da piccoli



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano –  Con l’istituzione della Giornata Mondiale del Libro, il 23 Aprile, è tornata alla ribalta la scottante ma importantissima questione dell’importanza della lettura nella formazione culturale dei nostri ragazzi.
Già da molti anni, è in vigore il programma nazionale NATI PER LEGGERE, che promuove la lettura nelle famiglie con figli già dal momento della nascita, coadiuvati poi da asili nido, scuola dell’infanzia, primaria e così via. Al progetto partecipano tutte le Regioni, che poi a livello locale, si appoggiano nella creazione di eventi a varie associazioni ed istituzioni, in primis le scuole.
Sotto queste direttive, e con lo scopo di diffondere il più possibile la “cultura della lettura”, ad Avezzano, l’Istituto Comprensivo “Collodi-Marini” ha dato vita ad una biblioteca di quartiere, inaugurata già nel 2016, in cui grandi e piccoli potranno fruire di oltre 4500 volumi non solo cartacei ma anche digitali, avendo creato da poco anche un catalogo multimediale di ebook, audiolibri e tracce musicali.
Un nuovo polo culturale quindi, che intende abbracciare un più ampio bacino di utenti oltre a quello scolastico. Ma per i più piccini?

Avendo come limitazione il non saper leggere (e quindi il trarre piacere dalla lettura in modo autonomo ed intimo) si ricorre alla lettura a voce alta, che nonostante sia una pratica utilizzata appunto “fino a quando il bambino non sa leggere da solo”, rappresenta una vera ricchezza per la mente, assolutamente priva di controindicazioni in termini di età.

Riconoscendo questa funzione perciò, la dirigenza della scuola Collodi- Marini, insieme alla libreria caffetteria “Vieniviaconme- lettere e caffè”, ha organizzato per il 16 Maggio la lettura animata e ad alta voce per i bambini della scuola dell’Infanzia, estendendo poi l’invito alla fruizione agli adulti (genitori e non) il giorno 18, presso la sede di via Bolzano.
Insomma…dalla scuola ci si aspettano grandi progetti che riguardano la didattica e la formazione psico-intellettuale del bambino: l’ I.C.” Collodi –Marini”, con l’istituzione della Biblioteca di Quartiere e patrocinando eventi che incoraggiano un accostamento alla lettura spontaneo e naturale, rispetta le aspettative di tutti quei genitori che tengono alla crescita culturale dei propri figli, portando avanti iniziative che gli permettono di perseguire l’obiettivo didattico ben oltre l’orario scolastico. (S.C.)

La letteratura al tempo del 3.0: l'immaginazione si coltiva sin da piccoli




Lascia un commento