La Guardia di Finanza si riorganizza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Concepita per garantire una più diffusa presenza delle Fiamme Gialle sul territorio nello svolgimento della mission di polizia economico-finanziaria a tutela del bilancio pubblico, delle Regioni, degli Enti locali e dell’Unione Europea, la revisione fa seguito a quella che, a partire dal 2018, ha interessato i Reparti Speciali del Corpo rendendoli più snelli e operativi anche al fine di fornire maggiore collaborazione alle Authority di riferimento (Autorità Nazionale Anticorruzione, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Autorità Garante per la Privacy, Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente e Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni).

Sono tante le novità introdotte con la nuova riforma: le Brigate sono state trasformate a livello di Tenenza – cosa già avvenuta, sin dall’anno 2013, per quelle abruzzesi di Ortona, Popoli, Nereto e Roseto degli Abruzzi – comandate, ora, da Luogotenenti in possesso di elevata esperienza di servizio; l’istituzione di nuovi Gruppi territoriali – uno per ogni provincia abruzzese – farà sì che venga assicurata più efficacemente la funzione di indirizzo e coordinamento dell’attività svolta nell’ambito del territorio assegnato ai Nuclei Operativi, alle Compagnie e Tenenze dipendenti, operanti in ridisegnate circoscrizioni o presso valichi di confine, porti e aeroporti internazionali.

Con tale riforma, i Reparti specializzati Anti Terrorismo – Pronto Impiego (i ccdd. “Baschi Verdi”) assicurano con maggiore capillarità – in Abruzzo con sede a Pescara, ma in grado di muoversi con celerità dalla linea costiera su tutto il territorio regionale, e non solo – il contrasto ai traffici illeciti ed il concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica; sono state, inoltre, rinforzate le attività di presidio delle Stazioni del SAGF (Soccorso Alpino della Guardia di Finanza) – lungo la dorsale appenninica centrale, alle Stazioni di L’Aquila e Roccaraso, che, come noto, si distinsero nelle operazioni di soccorso del gennaio 2017, si è di recente aggiunta la Stazione di Abetone Cutigliano, in provincia di Pistoia – quella per le funzioni di controllo e di soccorso in alta montagna e nei luoghi impervi o colpiti da calamità naturali.

Tutti questi Reparti continueranno ad operare in stretta collaborazione con i Nuclei di Polizia Economico Finanziaria – anch’essi recentemente rivisitati in Abruzzo – istituiti uno per ogni provincia del nostro Paese, retti da Ufficiali superiori.

L’intento è evidente: non solo l’innalzamento della qualità della presenza dei Reparti sull’intero territorio, ma anche e soprattutto la crescita dei livelli di responsabilità, compiuto con l’affidamento di tutte le unità operative a militari di qualificata competenza.

La riforma, insomma, attuata proprio nell’anno in cui il Corpo festeggia i 245 anni dalla sua fondazione, giunge dopo l’istituzione della polizia economico-finanziaria avvenuta con il Decreto Legislativo 19 marzo 2001 n. 68 e risponde all’esigenza di adeguare la struttura ordinativa della Guardia di Finanza alle sempre maggiori richieste d’intervento istituzionale dettate dall’attuale contesto socio-economico.