La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Cerca
Close this search box.
Home » Terza pagina » La “bastoncella” di San Bernardino da Siena

La “bastoncella” di San Bernardino da Siena

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Era il 1438 e San Bernardino da Siena si stava recando a L’Aquila. Aveva già 58 anni e da tempo si spostava per l’Italia predicando e divulgando la parola del Signore. Era entrato nell’Ordine dei Frati Minori, fondato da San Francesco un paio di secoli prima, l’8 settembre del 1402, a ventidue anni, ricevendo l’abito da fra’ Giovanni Ristori che lo conosceva bene e lo stimava profondamente. Per qualche anno visse nel monastero del Colombaio sull’Amiata, praticando l’ascetismo e studiando i testi dei Dottori della Chiesa e dei grandi maestri francescani.

L’arte della predicazione per Bernardino ebbe inizio intorno al 1405, quando aveva 25 anni. Parlò pubblicamente per la prima volta nel convento di Seggiano, nell’attuale territorio grossetano, e subito dopo all’Alberino, nelle vicinanze di Siena. Al principio, sembra che predicasse in maniera saltuaria ma, con gli anni e con l’esperienza, riuscì in breve tempo ad affermarsi e a farsi apprezzare per il modo incisivo e diretto col quale affrontava e cercava di debellare i mali del suo tempo. Egli si dedicava con abnegazione soprattutto alla pacificazione delle contese e alla riconciliazione.

Altare di S. Bernardino nella Chiesa di Scurcola

Il quel lontano 1438, dunque, il francescano percorreva i nostri territori e decise di fermarsi a Scurcola Marsicana. Rimase in paese per un paio di settimane e, come faceva sovente, si dedicò alla predicazione. Bernardino era ammirato da tutti e considerato uno tra i più importanti rappresentanti del francescanesimo del tempo. Dobbiamo immaginare che la sua presenza a Scurcola attirò l’attenzione di moltissimi fedeli che vennero ad ascoltarlo anche dai luoghi circostanti. All’epoca in cui sostò nella Marsica era stato già assolto da un processo per eresia, intentato ai suoi danni da chi non tollerava l’uso del trigramma JHS, aveva già rifiutato più di una volta la carica vescovile ed era divenuto vicario generale di tutti i francescani italiani.

Durante la sua permanenza a Scurcola, Bernardino fu ospitato dalla famiglia Pompei in una piccola abitazione che ancora oggi si trova in un angolo di Piazza del Mercato, quasi ai piedi dell’attuale Chiesa della SS. Trinità la quale, nel 1438, non esisteva ancora: sarebbe stata edificata solo a partire dal 1570. Probabilmente Bernardino ebbe modo di vedere o visitare l’antica Chiesa di San Tommaso, risalente all’anno 1100, che si trovava al posto della Chiesa cinquecentesca, collocata in posizione trasversale con l’ingresso che guardava verso il borgo, e della quale oggi restano comunque visibili alcuni elementi.

La presenza di San Bernardino a Scurcola ha lasciato segni indelebili che, ancora oggi, permangono nei racconti, nelle tradizioni, nei simboli religiosi. Bernardino lasciò il paese per proseguire il suo viaggio verso la città de L’Aquila. Prima di andare via, però, pensò di ringraziare chi lo aveva accolto con il poco che aveva, nel pieno rispetto dello spirito francescano. Egli lasciò la sua “bastoncella”, il semplice bastone di ferro che il predicatore usava per sostenersi durante i suoi cammini. Un oggetto caratterizzato da un’estrema sobrietà nel quale si rileva una piccola impugnatura nella parte alta.

La “bastoncella” di San Bernardino

La “bastoncella” è una reliquia preziosissima che da quel giorno è custodita dal popolo di Scurcola. Non si trova in Chiesa, non si trova in una cappella, non si trova in un luogo sacro. Essa è rimasta al popolo, proprio come avrebbe voluto il Santo di Siena. La “bastoncella” è serbata gelosamente dalla Confraternita di San Bernardino, una delle più antiche confraternite presenti a Scurcola, fondata esattamente nel 1455, undici anni dopo la morte di Bernardino, avvenuta come sappiamo proprio a L’Aquila nel 1444, e cinque anni dopo la canonizzazione del predicatore ad opera di papa Niccolò V.

Trigramma IHS su un portale di Scurcola Marsicana

La Confraternita di San Bernardino conserva con devozione il bastone che il Santo usava e che ha deciso di lasciare a Scurcola in segno di ringraziamento. La traccia tangibile del passaggio di Bernardino in quel lontano 1438 sopravvive attraverso questo semplice oggetto ma anche attraverso il cristogramma IHS o JHS (Jesus Hominum Salvator: Gesù Salvatore degli uomini) che non è infrequente ritrovare in alcuni antichi angoli del paese riprodotto su arcate, portali e mura.

PROMO BOX

MEMORIAL GIAN MAURO FRABOTTA KART
WhatsApp Image 2024-05-23 at 19.20
Quattro suggestivi scatti di Arturo Di Felice che immortalano la bellezza dei fenomeni celesti
Rimossa da Salviamo l'Orso una grande quantità di filo spinato
Interruzione del flusso idrico nel Comune di Aielli per la mattinata di oggi
In memoria di Giuseppina Cerroni: i colleghi e la direzione della Nova Salus effettuano una donazione a favore di Trasacco Emergency
mercato-avezzano-centro
|
Il Vicesindaco Luigi Soricone
FB_IMG_1716533884760
444747465_10233593313837640_6163009785225932614_n
Balsorano ricorda e commemora i fratelli Mario e Bruno Durante, martiri della Resistenza
Panorama Pescina
passaporti-poste
Proteggiti dal Phishing! Campagna straordinaria di sensibilizzazione degli utenti del CAM
I servizi segreti italiani reclutano nuovi 007
Camosci selvatici Parco Nazionale D'Abruzzo terremarsicane
Imprudente
FB_IMG_1716484659303
rapper Mondo Marcio
Parco Sirente Velino
Stabilizzazione precari della ASL 1, Pietrucci: "Lavoratrici e i lavoratori attendono da anni una soluzione definita al loro contratto di lavoro"
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
"Le vie della seta nella storia", domani ad Avezzano conferenza con il dott. Brizio Montinaro

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina