Je principe Turlò al Castello Orsini



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – L’altra sera gli alunni della 3 A della scuola elementare Agostino Persia di Avezzano hanno messo in scena la commedia in dialetto avezzanese “Je principe Turlò” di Raffaele Donatelli. Gli spettatori che gremivano il Castello Orsini hanno sottolineato il successo dello spettacolo con fragorose risate e scroscianti applausi.

foto je principe turlòI piccoli protagonisti della serata, per nulla emozionati dal folto pubblico,  sono stati bravissimi, riuscendo abilmente  a “trasportare”  i presenti nella Avezzano di  metà ’800. Le sensazioni del pubblico sono state amplificate dalle esilaranti espressioni dialettali  che, pronunciate dai piccoli attori,  risultavano ancora più comiche.

Raffaele Donatelli,  che ha scritto e diretto la commedia dielettale,  era tra i più emozionati;  al termine dell’esibizione, sinceramente soddisfatto,  si è più volte complimentato con i piccoli attori per la loro sicurezza sul palcoscenico. Riguardo la  commedia ci ha detto:  “Questa è una storia inventata, frutto della mia fantasia. Immaginiamo che nel 1854 il noto banchiere Alessandro Raffaele Torlonia accompagnato dall’ingegnere svizzero Franz Mayor de Montricher abbia fatto un sopralluogo qui ad Avezzano per prosciugare il lago Fucino. Come avrebbero reagito i pescatori alla notizia? Avrebbero accettato che l’evento si verificasse? Nella mia commedia, che i bambini della 3 A hanno splendidamente interpretato, c’è una ribellione  ” Fucine adà rimanè ne làche, je làche più béjie de je mùnne”

Artefici della perfetta riuscita della manifestazione sono state le insegnanti Ersilia Maria Casella e Maria Grazia Fasciani : lo spettacolo teatrale ha rappresentato il completamento del loro progetto  “Dai marsi ai marsicani”. Il lavoro “C’era una volta il lago” ha consentito agli alunni di conoscere la storia del proprio territorio e di comprendere il passato. La Storia rimane sempre maestra di vita.

Ecco i nomi dei piccoli artisti : prendete nota, tra qualche anno sicuramente qualcuno di loro calcherà i palcoscenici dei maggiori teatri nazionali:

Mattias Birdahan, Vlad Boldijar, Elisabetta Conte, Giorgia Della Rocca, Davide Di Norcia, Salvatore Di Palma, Francesco Di Salvatore, Walter Di Stasio, Mariella Ferreri, Ginevra Gallese, Sara Genovesi, Susanna Girolami, Simone Leonio, Stefanino Mezzetti,  Marta Minea, Lorenzo Morisi e Sara Tolomello.




Lascia un commento