Installate quattro postazioni per l’avvistamento fauna nel punto panoramico di Gioia Vecchio



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Gioia dei Marsi – A Gioia Vecchio, frazione di Gioia dei Marsi e una delle porte d’ingresso dell’area protetta del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, ha un punto di osservazione dal quale si può ammirare un suggestivo panorama e avvistare la fauna presente nel territorio protetto.

Il PNALM, in collaborazione con una società cooperativa Castel Mancino ha installato alcune postazioni corredate da pannelli didattico-informativi proprio per l’avvistamento della fauna.

Nel corso della passata settimana il personale del servizio tecnico del Parco, insieme ai ragazzi della Castel Mancino – Società cooperativa, ha provveduto alla posa in opera di quattro postazioni per l’avvistamento fauna nel punto panoramico di Gioia Vecchio! Le strutture in legno, sono dotate sul fronte di tettoia e panchina e sul retro di 8 pannelli didattico-informativi, realizzati in lingua italiana e inglese, dal Servizio Promozione e Comunicazione del Parco. L’operazione fa parte del piano di azioni strategiche stilato dal Parco per la Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS), finalizzate alla valorizzazione turistica dei territori del Parco e alla promozione del turismo sostenibile e responsabile nell’area protetta” dichiara il Parco.

Il punto di osservazione di Gioia Vecchio è uno dei luoghi più amati e conosciuti del Parco, frequentato tutto l’anno da guide, turisti e fotografi naturalisti. Abbiamo realizzato questo primo intervento con l’obiettivo che sia utile a migliorare e amplificare le possibilità di fruizione turistica di questo splendido luogo e con l’intento di sensibilizzare le persone sulle valenze naturalistiche del Parco e sui corretti comportamenti da tenere all’interno di un’area protetta. Con la sincera speranza che sia preludio ad un’esperienza di viaggio indimenticabile nel Parco, nel pieno rispetto della fauna e della Natura!” conclude il PNALM.